17 novembre 2017

I monologhi esteriori - S02 E05
Autunno, freddo e sensazioni fisiche

Novembre, finalmente è arrivato il vero autunno! Le temperature fredde, la nebbiolina, i cieli grigi e anche la pioggia. Lo so che voi amanti dell'estate mi state odiando perché trovate queste immagini altamente deprimenti, ma a me piacciono.
Se preferite, parliamo allora delle foglie colorate che cadono dagli alberi e delle tisane che vi potete gustare per riscaldarvi. Comunque sia, l'autunno è la mia stagione preferita e ho deciso di dedicargli questa puntata del podcast.


Questa volta ho "barato" e ho scelto non un monologo teatrale, ma una poesia. Ma credo di essere perdonabile, perché anche le poesie possono essere recitate e messe in forma teatrale, no?

16 novembre 2017

Un monologo per Drama Queen 4 - And the winner is...

Siamo arrivati alla fine anche del quarto concorso di compleanno ed è tempo di annunciare il vincitore!
Ringrazio tutti i partecipanti e tutti coloro che hanno votato il loro monologo preferito. So che i testi erano belli e meritevoli tutti e tre, ma che concorso sarebbe senza qualcuno che vince? È la dura legge della competizione.


Non è una vera sorpresa, perché i voti sono nei commenti e basta fare un conto, ma ci vuole anche un annuncio ufficiale.
E quindi vi annuncio che il quarto concorso di compleanno di questo blog è stato vinto da...

14 novembre 2017

American Idiot

Che odio i musical ve l'avevo già detto. Però vi ho detto anche che ci sono le eccezioni. Anzi, quando si parla di musical passo da un estremo all'altro: noia mortale o fangirl incallita. Niente vie di mezzo.
La mia versione fangirl finora è venuta fuori solo con We will rock you (chi non ama i Queen?), La La land (c'è del genio in quel film)... e adesso con American Idiot. Ma in questo caso si tratta proprio della peggior versione della fangirl possibile: il ritorno mentale all'età di teenager.


Che volete farci? I Green Day sono stati il gruppo per cui impazzivo nei miei anni da teenager.
Con American Idiot e ancor di più con 21st Century Breakdown sono entrati nel mio cuore. Negli anni di "buco" tra il primo album e il secondo, mi sono appassionata ai vecchi successi. Sapevo a memoria tutti i testi ed ero, ovviamente, invaghita di Billie Joe Armstrong.

10 novembre 2017

I monologhi esteriori - S02 E04
Esisto ancora, anche se sono vecchia

Che ricorrenza c'è stata l'8 novembre? Forse voi non lo sapevate, ma è una data importantissima... perché è il compleanno di mia nonna!
E, dato che il giorno della festa dei nonni (2 ottobre) il podcast non era ancora iniziato, colgo quest'occasione per parlare del tema.


Lo faccio con una parte di un monologo tratto da Le Beatrici di Stefano Benni, in particolare dal capitolo che ha come protagonista la Vecchiaccia.
Dite che mia nonna potrebbe offendersi? Non credo, in fondo compie 85 anni e non si considera più esattamente giovane. E poi, l'uso del dispregiativo "vecchiaccia" ha un senso nel monologo, quindi capirete.

7 novembre 2017

Come girare un video-provino

Siamo nel ventunesimo secolo e ormai anche la recitazione passa attraverso la tecnologia. 
Per alcuni casting, non si chiedono solo il curriculum o lo showreel dell'attore. Magari non c'è tempo di stare a vedere le audizioni di decine o centinaia di persone che si propongono per i ruoli principali... quindi si chiede agli attori di inviare un video-provino.


Che cosa intende per video-provino?
È abbastanza semplice: quello che fareste in un normale provino dal vivo, solo che non siete fisicamente davanti al regista, ma vi state filmando e poi il regista guarderà il filmato.

2 novembre 2017

Jack viene accoltellato (video promozionale)

Se mi seguite su Instagram o Facebook, qualche settimana fa avrete visto una strana foto di me... con i baffi. Non sono diventata completamente pazza, c'era un motivo. E il motivo era questo video, realizzato in collaborazione con gli amici di Squilibrio Comics.


Uno dei loro fumetti si chiama Jack viene accoltellato e parla di... beh, Jack che viene accoltellato, in diversi modi e in diverse situazioni. E Jack è l'autore del fumetto, quindi ciò denota una certa dose di masochismo.

1 novembre 2017

I monologhi esteriori - S02 E03
Halloween, paure inventate e paure reali

Avevo detto che in questa nuova stagione del podcast mi sarei ricollegata alle ricorrenze che si presentano nel corso dell'anno... quindi avrete già indovinato di che cosa parlerò oggi.


Che giorno era ieri? Ecco, appunto! Ormai mi conoscete, sapete che non potevo non fare una puntata a tema Halloween
Ho tirato fuori un monologo spaventoso e un discorso sulla paura che in realtà vi avevo già fatto un paio d'anni fa. In particolare, in questo post. Ve lo ricordate? Parlavo di Macbeth di William Shakespeare.

31 ottobre 2017

Un monologo per Drama Queen 4 - I video

Il concorso di compleanno si avvia alla conclusione: finalmente sono riuscita a girare, montare e caricare i video dei monologhi finalisti!
Mi scuso se ci ho messo un po', però ho cercato di fare un bel lavoro (cosa per cui ovviamente serve tempo) e sono stata impegnata anche con un sacco di altri progetti (come sapete già, se avete seguito gli ultimi aggiornamenti del blog).


Ma bando alle ciance, adesso è il momento di farvi vedere il risultato del mio lavoro!

25 ottobre 2017

I monologhi esteriori - S02 E02
Il cibo è un nemico da combattere?

Seconda puntata della nuova stagione: di che cosa parliamo oggi?
Il 16 ottobre è stata la Giornata mondiale dell'alimentazione, quindi ho pensato di parlare di cibo. In molte parti del mondo ci sono ancora persone che non hanno abbastanza da mangiare... ma, purtroppo, questo non è l'unico problema legato all'alimentazione che si può avere.


Esistono anoressia, bulimia e altri disturbi alimentari. Esistono le diete più o meno restrittive che ci imponiamo per perdere chili o mettere su massa, insomma, per cercare di modellare il nostro corpo come vogliamo.

24 ottobre 2017

Le serve

Gridate pure, se vi va! Lanciate magari il vostro ultimo grido, Signora! 
Finalmente! La signora è morta! Stesa sul linoleum... strangolata dai guanti per lavare i piatti. La Signora può restar seduta! La Signora può chiamarmi signorina Solange. Proprio così. È in virtù di quanto ho fatto. La Signora e il Signore mi chiameranno signorina Solange Lemercier.

Un capovolgimento di ruoli sta alla base di questo spettacolo. "Le serve" di Jean Genet è un testo che si basa sulla finzione dentro la finzione teatrale.
Quello a cui Solange e Claire, due sorelle che lavorano come serve in casa di un'aristocratica Signora, giocano ogni sera è un gioco dei ruoli che si ripete sempre secondo regole precise.


Ogni volta, una delle due interpreta la parte della Signora e l'altra fa la serva. Claire diventa la Signora e Solange diventa Claire. Ma, dai dialoghi, apprendiamo che ogni giorno questi ruoli si alternano e ognuna delle due ha la possibilità di vestire i sontuosi abiti della Signora.
La rappresentazione si svolge nello spazio di una solo sera, quindi noi spettatori vediamo Claire nella parte della padrona di casa, ma apprendiamo che Solange l'ha interpretata il giorno prima. E così è stato, in alternanza, per i giorni precedenti, perché questo rituale è ormai ben consolidato.