31 maggio 2014

Game of Thrones - Non solo draghi, ma anche grandi attori

Ho cercato, inutilmente, di tenere la mia ossessione del momento fuori dal blog, ma ora mi ritrovo a cedere. Lo ammetto, sono una fan sfegatata di "Game of Thrones". E quando dico "sfegatata", intendo a livelli che voi umani non potete nemmeno immaginare.
Se ve ne parlo qui, però, non è solo perché sono stata resa pazza dalla mia passione insensata. C'è un motivo legato al tema del blog: gli attori di questa serie sono bravissimi.



Premetto che, per mancanza di tempo, non ho ancora letto tutti i libri di "A Song of Ice and Fire", da cui è tratta la serie televisiva. Non sono, quindi, in grado di fare un confronto tra la caratterizzazione del personaggio letterario e quello cinematografico.
In ogni caso, non è questo lo scopo del post: qui vorrei parlare di come gli attori hanno interpretato il copione, a prescindere da ogni legame con i libri.

Se avete anche solo sentito nominare la serie di sfuggita, vi sarete resi conto che i personaggi sono un'infinità, perciò non è possibile parlare di tutti. Anche volendo citare i protagonisti delle storyline principali, un solo post non basterebbe, perciò mi riservo il diritto di citare quelli che mi hanno colpito di più, secondo il mio gusto personale.

Sono la prima che minaccia di morte chi mi rivela avvenimenti che non sono ancora accaduti nella trama, quindi non inserirò spoiler
Anzi, se siete ancora all'inizio della serie, mi scuso per aver citato i draghi nel titolo... ma, suvvia, ve l'avevano già detto tutti che ci sarebbero stati i draghi. Probabilmente è uno dei motivi per cui avete cominciato la visione della serie. Quindi non odiatemi, ok?

Un'ultima precisazione: guardo la serie in lingua originale, quindi i miei commenti non sono riferiti ai doppiatori italiani, di cui non conosco assolutamente nulla

Come in quasi tutte le storie che si rispettino, bisogna ammettere che i personaggi più affascinanti, sono, i cattivi:



Primo fra tutti lui: Joffrey Baratheon. Il cattivo per eccellenza. Il personaggio nato per essere odiato. Pare che lo stesso autore, George R. R. Martin, abbia fatto i complimenti all'attore Jack Gleeson per quanto è riuscito a renderlo odioso.
I cattivi di solito hanno le personalità più interessanti, perché le ragioni del loro comportamento risiedono in un passato oscuro o in uno scopo più alto che si propongono di raggiungere... ma questo non è il caso di Joffrey. Lui è malvagio per natura, senza alcuna ragione. Si diverte a torturare gli innocenti e a vedere la sofferenza altrui. In una parola, è puramente sadico.
Credete che sia facile immedesimarsi in una personalità del genere, che non ha nemmeno un lato vagamente umano? Jack c'è riuscito a tal punto che non gli serve nemmeno parlare: qualsiasi sua smorfia suscita odio nello spettatore. E ha solo ventidue anni (ne aveva diciannove quando è iniziata la serie). 
Un applauso per Jack e speriamo che ripensi alla sua decisione di ritirarsi dalle scene non appena il suo ruolo in "Game of Thrones" sarà concluso.



Cersei Lannister è la madre dell'adorabile principino Joffrey e, conoscendola, si inizia a capire da chi il pargolo abbia ereditato i proprio geni. 
Lei, però, ha una personalità molto più umana: è capace di essere spietata con i suoi nemici, ma sotto ogni sua azione s'intravvede l'amore per i figli.
L'attrice che la interpreta è Lena Headey e, oltre alla bravura nel conciliare due comportamenti così contrastanti del personaggio, quello che mi ha colpito di lei è la mimica facciale. Molto spesso, riesce ad esprimere tutto il suo disappunto o a fulminare con lo sguardo qualcuno anche rimanendo in silenzio.



Tyrion Lannister è, a mio parere, uno dei personaggi meglio interpretati della serie. Non solo a mio parere, sembra, visto che l'attore Peter Dinklage per questo ruolo ha vinto un Emmy Award e un Satellite Award nel 2011 e ha ricevuto varie nomination ad altri premi.
Il punto forte di Tyrion è l'ironia, che molte volte sfocia in sarcasmo. Peter Dinklage è perfetto per incarnare questa miscela di battute sagaci ed estrema serietà nei momenti topici della trama.
Per non parlare del suo bellissimo monologo nell'episodio 6 della quarta stagione. Credo che quell'interpretazione, da sola, varrebbe il prezzo del biglietto!



Daenerys Targaryen è un personaggio che subisce molti cambiamenti nel corso della storia. Ingenua e sottomessa all'inizio, dopo poco tempo cresce ed impara a farsi valere, esattamente come ci si aspetta da una regina.
Emilia Clarke, secondo me, riesce a rendere molto bene questo cambiamento. Se riguardo le prime puntate, in alcuni momenti non mi sembra nemmeno la stessa persona. Il suo sguardo, il suo modo di parlare e di muoversi sono totalmente cambiati.
Anche lei, come Lena Headey, ha un viso molto espressivo e lo sfrutta bene per far capire le sue emozioni. Per chi recita dovrebbe essere scontato, è vero, ma non avete mai notato quanti attori cinematografici, invece, mantengono quasi sempre la stessa espressione e sorridono a stento?



Una menzione d'onore ad Arya Stark, per la giovane età dell'attrice (e anche perché è il mio personaggio preferito). 
Maisie Williams è nata nel 1997, ma riesce già ad immedesimarsi perfettamente in una ragazzina-maschiaccio, che deve imparare a sopravvivere in una condizione difficile, molto diversa da quella in cui è cresciuta.

Qualcuno di voi condivide la mia passione per questa serie? Quali personaggi e attori apprezzate di più?

- dramaqueen



8 commenti:

  1. XDDDD Pensa che io non avevo mai vista la serie (l'avevo ovviamente sentita nominare) finché facendo un test, senza conoscere bene le situazioni ma andando a istinto, sono venuta fuori Khal Drogo.
    E così (ti parlo di inizio di quest'anno forse febbraio) mi sono decisa di vedere tutte le puntate della prima serie di filata!!!!!!
    Una delle cose che più mi sono piaciute è che non l'ho trovata troppo fantasy.
    Inoltre fai bene a sentire le puntate in originale. La doppiatrice che fa Daenerys la trovo assolutamente fuori luogo (è Letizia Ciampa, la stessa che fa Hermione in Harry Potter e Bloom nelle Winx). Potrebbe andare bene per l'inizio quando è remissiva ma andando avanti con la trama, la trovo sempre meno adatta.
    Jack Gleeson è bravissimo a farsi odiare (e spero che questo personaggio non gli rovini i suoi futuri ruoli soprattutto agli occhi della gente) e all'inizio lo si vedeva davvero come un debole e poi vedendo la madre si capisce chi è che alimenta la sua indole. Tyrion è un idolo e lui stesso ha affermato che ci sono pochi ruoli per gli attori nani così caratterizzati che non siano le solite macchiette.
    E poi ci sarebbe ancora altro da dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io potrei parlarne per ore... Ma ho pensato che fosse meglio non tediarvi troppo! ;)
      Ho provato a guardare qualche puntata in italiano e le voci mi suonano tutte strane... Ma forse dovrei solo farci un po' d'orecchio. Il motivo principale per cui ho scelto la versione originale è che così devo aspettare solo fino al lunedì per la nuova puntata, e non fino al mercoledì! XD (te l'ho detto che sono fanatica)
      No, sto scherzando... È bello rendersi conto di com'è veramente la recitazione dell'attore originale, senza contare che sto facendo anche esercizio di inglese.

      Elimina
  2. Odio il genere.
    E nemmeno il coacervo di tette e culi presente nel primo episodio mi ha spinto a proseguire la visione di questa serie.
    Ridatemi "The prisoner", per favore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nudi sono quasi tutti femminili, infatti non è quello il motivo per cui guardo la serie!
      A me piace molto la gente che viene uccisa in modo cruento, soprattutto se l'ambientazione è medievale, ma sono gusti... XD In ogni caso, ti ringrazio per aver espresso la tua opinione!
      Ho letto la trama di "The prisoner" e sembra interessante: proverò a guardarlo, grazie per il consiglio :)

      Elimina
    2. "The Prisoner" è quello di "io non sono un numero!"? (scusami l'OT).
      No, il Trono di Spade non riesce proprio a prendermi, ai libri non ho mai osato avvicinarmi... ed è strano, sono un grande lettore di fantasy (quest'anno è uscito l'ultimo e ho terminato la saga de La ruota del Tempo). Boh, non lo so, non mi attira proprio, mi sa di un Beautiful fantasy... Ma ti prego di non crocifiggermi per quest'ultimo accostamento!

      Elimina
    3. Ma figurati, non crocifiggo nessuno... Non per così poco almeno! XD Come ho detto ad Alessandro, siete liberissimi di esprimere un'opinione diversa dalla mia.
      "Il Trono di Spade" in realtà non è molto fantasy: c'è pochissima magia, solo un paio di draghi e qualche divinità strana. Non sei il primo che lo paragona a Beautiful. Se con il paragone ti riferisci agli intrighi e al numero spropositato di personaggi, non posso darti torto. In fondo ai libri, infatti, c'è una legenda in cui si spiega chi è figlio di chi e signore di che cosa... Altrimenti anche il lettore più volenteroso si perderebbe!

      Elimina
  3. Non oso leggere i commenti. Con i libri sono ancora al primo (perché l'ho ricominciato dopo anni...) e ho già subito troppi spoiler. XD
    In ogni caso, io la serie non la seguo, ma ho sentito molto dire della loro bravura, da varie persone. Specialmente dell'attore che fa Joffrey. E da come l'hai descritto, be', lui è uguale al libro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi leggere, tutti i commenti finora sono "spoiler free"... Almeno, ho scritto che il tal personaggio subisce una trasformazione, senza specificare quale. Niente cose del tipo "tizio uccide caio" (ne ho subiti un po' anch'io).
      Secondo me la serie è fatta bene, però lo dico avendo iniziato a leggere i libri dopo la visione. Guardala :) Ti stresserò così tanto che la guarderai :)

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.