25 settembre 2014

Iniziativa di compleanno - I video

Il giorno tanto atteso è finalmente arrivato!
Siete emozionati? Siete ansiosi?

Io no... Io, sinceramente, sono terrorizzata.
Mi sto maledicendo per aver avuto quest'idea, ma ormai ve l'avevo promesso, quindi non posso più tirarmi indietro.

Perciò ecco a voi, ladies and gentlemen, la vostra DramaQueen in azione.
Ci ho messo tutto il mio impegno e spero di aver reso giustizia, almeno in parte, ai vostri scritti con la mia interpretazione. So di avere ancora tanto da imparare ma... ci ho provato!

Come sempre elencati in ordine di arrivo, questi sono i video dei vostri monologhi (i testi completi li potete trovare in questo post):

1) "Ghiaccio" di Michele Scarparo

Al confine tra il monologo e la poesia (o forse sbilanciato più dalla parte della poesia). Non avevo mai recitato nulla di simile e spero che il mio tentativo sia riuscito.



2) "Sono i sogni, bambina" di Spartaco Mencaroni

Questo testo è bellissimo, ma sono quasi impazzita ad impararlo a memoria: dimenticavo sempre qualche aggettivo! Perciò spero che l'autore mi perdonerà se ho usato un piccolo trucchetto (il video non è girato tutto in una volta ma è una somma di diversi spezzoni).




3) "E così stai partendo per la guerra?" di Marco Lazzara

Avrei dovuto travestirmi da vecchio, ma alla fine ho deciso che sarei risultata ridicola e avrei tolto serietà a questo testo. Quindi, confido che la vostra immaginazione possa ricreare lo scenario corretto.




4) "La segreteria telefonica" di Seme Nero

Seme Nero mi ha fatto contravvenire al mio proposito di non piangere più per un uomo... Però
stavolta l'uomo in questione è un personaggio di fantasia, quindi un'eccezione si può fare.




5) "Libera" di Romina Tamerici

Soprattutto in questo monologo si è manifestato il mio perfezionismo, perché ho girato il video più volte, impuntandomi parecchio sui dettagli. Spero che il risultato finale sia soddisfacente.




6) "Oh, screanzato!" di Seme Nero

Finalmente, in questo pezzo ho potuto sfogare la mia vena comica!




7) "Basta!" di Romina Tamerici

E qui ho potuto esprimere la mia rabbia. Con l'aiuto di alcune "guest star" molto speciali...



8) "Sarei potuta nascere albero" di Alma Cattleya

Spero di essere riuscita ad incarnare questa figura poetica in modo convincente.






So che siete ansiosi di conoscere il vincitore del concorso, ma non è ancora il momento di votare. Vi chiedo ancora un po' di pazienza.
Pubblicherò domani il post in cui potrete esprimere le vostre preferenze (in questo modo avete anche il tempo per guardare i video con calma e per rifletterci).

Ora ho bisogno del vostro aiuto per un motivo più importante: mi servono i vostri consigli.
L'audizione è tra soli sei giorni e io ho assoluto bisogno dei vostri suggerimenti per migliorare ancora e presentarmi al meglio. Ne va del mio futuro e io conto su di voi!

Non preoccupatevi se non vi sentite esperti: il pubblico di uno spettacolo teatrale solitamente è composto in minima parte da esperti.

Sono aperta a tutte le critiche, ma è meglio se sono costruttive.
Quindi, per favore, non scrivetemi "fai schifo"... ma spiegatemi il più chiaramente possibile perché vi faccio schifo e che cosa dovrei fare per disgustarvi un po' di meno! ;)

Grazie infinite per l'aiuto che mi avete dato partecipando al concorso e per quello che mi darete con i vostri consigli!

La vostra agitatissima

- dramaqueen


38 commenti:

  1. Complimenti e... mi hai commosso quando ho sentito come hai interpretato il mio monologo.
    Naturalmente ho sentito anche gli altri monologhi e mi è piaciuto come hai cercato di differenziare ognuno.
    Un consiglio che ti posso dare. Quando fai una voce sussurrata come nel mio o anche nell'inizio di Libera cerca di stare attenta alle parole perché a volte non si sentono bene e si perdono.
    Mi è anche piaciuto come in Oh screanzato! hai avuto questa voce un po' stridula, ma non troppo.
    In Basta! mi sembravi un po' troppo trattenuta
    Una cosa che non mi è chiara. Essendo a mezzobusto non ti si vede tutta la parte inferiore e posso immaginare che tu abbia scelto così perché sei più visibile, ma spero che, anche se non si vedono, tu le usi le gambe così il movimento è più completo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah senti, vorrei creare un post con il monologo. Ti dispiace se inserisco anche il tuo video?

      Elimina
    2. Riascoltando, il testo dove forse sono un po' più dubbiosa è il primo, Ghiaccio per un semplice motivo: dire le azioni che si fanno potrebbe sembrare "telefonato" ovvero prevedibile.
      Mi rendo conto che renderlo sia piuttosto arduo

      Elimina
    3. Grazie Alma per i consigli!
      Puoi condividere il video a patto di citare la fonte e di non modificarlo :)

      Allora, ti chiarisco un paio di punti che hai sottolineato:
      - Non ho, per ora, tra le ambizioni quella di diventare attrice di cinema, quindi il rapporto tra me e la telecamera è un po' complicato. Non ci sono abituata. In teatro, di norma, riesco a farmi sentire anche quando sussurro.
      - Hai ragione, sono trattenuta... ma sentivo di esserlo in quasi tutte le scene. Ho avuto una specie di blocco emotivo su alcune emozioni e non riuscivo ad esprimerle come volevo, ma ora ci sto lavorando.
      - I video sono filmati con mezzi che sarebbe generoso definire "di fortuna". Ero in camera mia e, per una questione di spazi, ero seduta sul letto, ecco perché non si vedono le gambe. Quando ho a disposizione più spazio, le uso, infatti sentivo un po' questa costrizione, ma non ho trovato altra soluzione. In camera mia ci sono circa 50 cm di spazio tra il letto e la libreria, capirai che non è esattamente la dimensione ideale per un palcoscenico!
      - Non ho mai fatto la regista e, quando ho dovuto inventarmi qualche movimento per non rendere monotona la scena, mi sono trovata un po' in difficoltà.

      Elimina
    4. Beh considerando gli ostacoli che hai avuto (tipo lo spazio limitato) te la sei cavata alla grande. Inoltre sarà un'esperienza utile per te. Anche il fatto di dirigerti. Forse non vorrai fare la regista teatrale però comunque pensare da regista ti costringe di vederti al di fuori di te, di sentire meglio i tuoi movimenti e sapere quali sono e come li fai.
      Detto questo, brava e continua così. E' il miglior passo per maturare come attrice ;) (nota: te lo dico, ma anch'io sto lavorando per maturare. Non si finisce mai ;) )

      P.S.: Ovviamente non potevo non citare la fonte del video ^_^

      Elimina
    5. Hai ragione, anche l'attore deve sapersi un parte dirigere da solo (anche perché, a volte, i registi non hanno il tempo di curare ogni dettaglio della recitazione di ognuno).
      Riguardarmi in questi video è stato difficile (e imbarazzante) ma mi è servito molto per individuare degli errori di cui altrimenti non mi sarei mai accorta.

      Elimina
  2. Ciao Elisa Elena, mai scritta una stroncatura da giornalista (prevalentemente musicale). E mai un commento negativo da utente della rete. In altre parole, niente paura! E non averne neppure quando troverai dall'altra parte persone i maestri dell'Accademia. Non potrai essere perfetta! Sia perché nessuno lo è sia perché non avresti bisogno di frequentarla se lo fossi già. Spero coglierai l'affettuosa ironia delle mie parole, motivate solo dalla voglia di rasserenarti. Potrai invece metterci l'anima. Anzi, sono sicuro che lo farai. Cosi come l'hai messa in questi video. Ammetto che nel vederli sono stato molto influenzato dai testi. Seme nero, ad esempio, l'ho scoperto proprio grazie a questo tuo post e mi è venuto naturale seguire il suo profilo tanto quanto seguire il tuo blog. Amore a prima lettura mi verrebbe da dire.

    Vengo alle tue interpretazioni, ricordandoti che sino a 18 anni ero convinto che da grande avrei fatto l'attore. Poi ho fatto (...) e poi (…) sino a diventare (…). In altre parole, ho vissuto e posso capire la passione che ti muove. (Gli omissis erano per non annoiarti!)

    “Ghiaccio” – Difficile ricreare dei movimenti (le cadute) che lo spazio della tua stanza non ti permetteva di compiere liberamente. Mi è piaciuto lo sguardo sognante all'inizio e anche il cambio di tono dopo il primo minuto. E' un testo di un uomo e al maschile, lo so, ma forse l'avrei adattato al tuo essere una giovane donna. E sottolineo il forse...

    “Sono i sogni, bambina” - Onirica! Le mani sono importanti nella narrazione, soprattutto nella parte finale, e mi piace come le usi.

    "E così stai partendo per la guerra?" - Appartengo ad una generazione in cui alle donne non era permesso di accedere alla carriera militare, ambiente in cui sono cresciuto essendo mio padre un militare (e io obiettore di coscienza). Non riesco a vederti nei panni di un soldato e neppure in quelli di una soldatessa. E' un mio limite. Comprendo invece il tuo sforzo interpretativo.

    “La segreteria telefonica” - Una delle tue prove più belle! Anche se, essendo le mie mere opinioni, dovrei dire che è una di quelle che mi sono piaciute di più!

    "Libera" – Un'altra delle tue prove più belle. (Il testo è magnifico)

    "Oh, screanzato!" - Testo ed interpretazione vanno di pari passo.

    "Basta!" - Qui è il modo in cui è stato girato il video che mi ha colpito maggiormente. Il finale mi è piaciuto davvero tanto.

    "Sarei potuta nascere albero" – Sono opinioni, solo opinioni le mie, ma ho amato ogni singola parola del testo e credo sia la tua interpretazione più bella! Alma è senza dubbio una delle autrici che andrò a leggere dopo aver postato questo commento.

    In conclusione, ho apprezzato molto le scelte relative alla musica, all'abbigliamento ed al trucco, ma ho cercato di non farmi condizionare troppo da esse. Vai! Adesso è tempo di viverti il sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo confessarti che mi è venuto freddo a leggere le tue prime parole... Sembrava che stessi dicendo: "Non ho mai scritto una stroncatura, ma... questa volta sono proprio costretto a farlo!" Ahah ;)
      E invece no, direi che mi è andata bene!

      So benissimo di non essere perfetta, ma la perfezione non è raggiungibile... mi basta essere "in miglioramento". I vostri consigli mi saranno molto utili per migliorare e ho apprezzato molto i tuoi. Grazie!
      Con i personaggi maschili ho avuto difficoltà, ma ci ho provato lo stesso. Forse, se un regista vero o comunque con un minimo di esperienza mi avesse aiuto ad impostare le scene, sarebbero risultate più credibili, ma ho dovuto fare tutto da sola.

      Penso di averlo detto anche troppe volte... sto provando a vivere questo sogno! :) Incrociate le dita per me, mercoledì prossimo!

      Elimina
    2. Siamo tutti dalla tua parte! Ops, ho detto parte? Di quale copione? Ah, ecco, dalla parte della trama del sogno. O forse era stoffa. Devo chiederlo ad un certo William... :D

      Elimina
    3. Grazie!
      Guarda caso il monologo che presenterò è proprio di quel signor William ;) (quello di Portia nel "Mercante di Venezia")

      Elimina
  3. Ho appena finito di vedere tutti i video e posso dire che questo è uno dei post più belli che io abbia mai visto nella blogosfera in questi anni!
    Le tue interpretazioni mi sono piaciute davvero tanto e hanno saputo cogliere l'anima di ogni testo, cosa non semplice.

    Io che faccio letture teatrali posso solo invidiare la tua grandiosa memoria, perché non sarei mai in grado di imparare tutti quei testi. E hai anche una bellissima presenza scenica (cosa su cui io non posso puntare!).

    Insomma, una prova superata a pieno titolo. Ora ho intenzione di commentare tutti i video anche su YouTube. Se invece ti va di fare una chiacchierata sulle imperfezioni riscontrate (poche, tranquilla), io sono per il "loda in pubblico e critica in privato". In ogni caso, brava, brava, brava! Anzi, bravissima.

    E in bocca al lupo per l'audizione!

    P.S. Credo sia uno dei post con maggiori ore di lavoro alle spalle mai realizzato da un blogger.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ore di lavoro... beh, non le ho contate, ma sono state tantine... Ne è valsa la pena, però! :)

      Sono davvero contenta che tu abbia apprezzato le mie interpretazioni!
      Puoi sentirti libera di esporre le tue critiche anche qui: fintanto che non ci sono insulti personali, accetto tutto :) In ogni caso, se preferisci spiegarmi in privato, ti contatterò stasera o domani, quando sarò un po' più libera (ahah... no, quest'ultima parte era una bugia).
      La memoria va allenata e... hai visto che anch'io ho le mie lacune. Il testo di Spartaco è stato diviso in più spezzoni appunto per questo...
      Sulla presenza scenica so di dover lavorare, anche se è migliorata da qualche tempo fa e ne sono contenta. Perché tu non potresti puntare su questo? Se mi avessi visto qualche anno fa, crederesti che chiunque può migliorare, volendolo. Ero un totale disastro.

      Ti ringrazio anche per i commenti su YouTube... mi hai quasi fuso il cellulare con tutte quelle notifiche! xD

      Speriamo che il lupo mi assista... Incrocia anche tu le dita, mercoledì prossimo! ;)

      Elimina
    2. Io credo molto nel valore della critica costruttiva. Mi piace ricevere critiche e trovo una sana abitudine anche farle ad altri. Non le ho fatte qui perché pensavo che un dialogo sarebbe stato ancora più costruttivo. Tra poco devo uscire, però prometto che le scriverò qui, se non avremo modo di parlarne insieme.

      Mi riprometto di allenare presto la mia memoria, anche se, nelle letture teatrali, serve molto meno.

      La mia presenza scenica è complicata... per alcuni aspetti sono un po' ingessata e per altri gesticolo troppo. E poi ci sono altre questioni... Io comunque intendevo che anche essere carine, come nel tuo caso, male non fa! Poi, sei oggettivamente brava.

      Mandare in tilt in tuo cellulare non era nei piani, ma ci tenevo a lasciare un commento più specifico per ogni video e anche ad aiutare un po' il canale youtube (so che non è semplice attirare lì visite).

      Incrocerò tutte e venti le dita a mia disposizione.

      Elimina
    3. Hai ragione, forse un dialogo sarebbe più utile perché potresti spiegarmi meglio quello che intendi dire. Allora ti scriverò via mail, tu rispondi quando puoi (io dovevo uscire un quarto d'ora fa... la mia lista di cose da fare, per oggi, è ancora lunga!)

      Fidati che la mia presenza scenica fino a un paio d'anni fa era un totale disastro. Ora lo è un po' meno, ma ci devo lavorare ancora. Quindi, non perdere le speranze!
      Mi fa molto piacere che tu mi trovi brava. So che essere carina può costituire una carta in più, anche se non lo trovo molto giusto, ma di fatto è così... Non mi lamento, certo, ma ci tengo più a mostrare le mie capacità che il mio aspetto fisico. Non lo dico per ipocrisia, davvero.

      Elimina
    4. Fai conto che io sono appena tornata da una riunione... ahahah!
      Ok, scrivimi e così ci sentiamo.

      Lavorerò sulla presenza scenica, promesso. E magari anche sulla memoria. Mi hai fatto venir voglia di recitare un monologo, sai? Ma mi tratterrò ancora per un po' dai video in cui mi si può vedere. Se la lettura teatrata che sto preparando verrà bene dal vivo, magari il video dell'evento lo posterò... ma al momento sono ancora restia dal mettere la mia faccina in rete... ahahah!

      Essere carine apre un sacco di porte ovunque, ma, senza il talento, non si va lontano (sempre se non ci si "vende", ovvio). Non volevo dire che sei carina e quindi non serve che tu sia brava. Tu sei brava. E sei carina... insomma, era un complimento! Come uomo sarei un caso disperato, credo... ahaha!

      Elimina
    5. Io ho avuto il raro privilegio di vedere la tua faccina (ma non posso rivelare né come né dove), per cui ti posso dire che anche tu sei carina e brava. Poi, se non vuoi mostrarti per ragioni di privacy, è un altro discorso. Ci ho riflettuto parecchio anch'io, prima di mettere in pratica l'idea dei video.

      Sarei curiosa di assistere ad una tua lettura dal vivo... dai, magari un giorno riuscirò ad organizzarmi, anche se è un po' lontano.
      Lavoriamo tutte e due e vedrai che i risultati arriveranno!

      Elimina
    6. Dopo le prove di ieri... se la persona che leggerà con me in pubblico acconsente, forse quel video lo metterò in rete, ma non ne sono sicura: credo che la mia faccina stia volentieri fuori dal blog.

      Grazie per i complimenti che però sento di non meritare.
      La mia prossima lettura dal vivo sarà il 19 ottobre, ma visto che, se tutto va bene, ci vedremo poco prima, forse potrò farti sentire una prova del mio pezzo (dura pochissimi minuti).

      Forza e coraggio! Non lasciamoci intimorire da niente e da nessuno!

      Elimina
    7. Sì sì voglio sentire la prova! Tipregotipregotipregotiprego! :)

      Elimina
    8. Come dirti di no? La sentirai!

      Elimina
  4. Azz, che bella iniziata! Mi pento di non esserne venuto a conoscenza per poter partecipare!

    Non ho visto tutte le tue prove, ma quelle che ho ascoltato mi han mostrato una ragazza con grande trasporto!
    Good! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz, apprezzo molto il complimento! :)
      Non è detto che una cosa del genere non si possa rifare... Ma tra un po' di tempo, quando mi sarò ripresa dalla faticaccia! Se lo rifarò, conto anche sulla tua partecipazione!

      Elimina
  5. Complimenti davvero, posso solo immaginare l'enorme lavoro che ci sia dietro questi video, tra monologhi da imparare, interpretazione e così via! Brava davvero. E sarà molto difficile scegliere :)
    In merito ai consigli, da semplice spettatrice sono d'accordo con Alma quando diceva che a volte le parole sfuggivano un po', magari si tratta solo di enfatizzarle di più o scandirle meglio, tanto per valorizzare anche l'interpretazione. Di più non saprei dirti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensare che quello di scandire bene le parole è il primo suggerimento che do ai ragazzini alla prima esperienza... Devo fare più attenzione anche io e non adagiarmi sugli allori!
      Grazie per i complimenti, sono davvero contenta che tu abbia apprezzato!

      Elimina
  6. Per adesso ho visto solo il mio di monologo.
    Comunque, chiedevi dei pareri e io sono ben lieto di darteli. :)
    Premetto: il personaggio non era adatto a te, ovviamente, e questo è un grosso limite, ma che non dipende da te, certo. Per quanto riguarda l'interpretazione: ho trovato migliore la seconda metà, quando il testo diviene più drammatico, mentre nella prima metà ci sono una serie di pause non necessarie, che spezzano troppo la continuità del discorso. Buona anche la mimica facciale.

    Marco

    P.S. = Su youtube la pagina al mio libro non funziona, ti consiglierei allora di mettere semplicemente quella che hai messo sul mio guest post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo monologo è bellissimo e secondo me è uno di quelli che si prestava meglio ad essere recitato, perché c'erano più cambi di tono che lo rendevano movimentato.
      Devo dirti la verità: non sono soddisfatta del risultato. E' vero che io sono molto raramente soddisfatta di me stesso, ma in questo caso, in particolare, sento che avrei dovuto lavorarci di più e mi dispiace di aver avuto poco tempo.
      Grazie per avermi dato il tuo parere. Che le parti drammatiche mi riescano meglio delle altre non è una novità. Io sono un personaggio profondamente tragico. Devo ancora capire se sia un bene o un male ;)

      P.S. Ora correggo anche il link!

      Elimina
    2. In fondo non sono malaccio come autore, eh? ;)
      Però è la prima volta che mi capita di scrivere un monologo teatrale. :)

      Elimina
    3. Per la serie "potrei parlare per ore della mia modestia", eh? ;)
      Non ho mai detti che i tuoi scritti siano malaccio, anzi. Vi ho dato la scusa per provare di nuovo, non siete contenti? :)

      Elimina
    4. Era proprio ciò che intendevo: è stato un modo per scrivere qualcosa di profondamente diverso. Scrivere narrativa e scrivere teatro hanno modi completamente diversi.
      Ah, e anche in ogni video hai i capelli di colore diverso... :P

      Elimina
    5. Ti devo spiegare che i colori non esistono e che è solo una percezione dell'occhio umano originata dalla luce o sai già la storiella? ;)
      Prima o poi riuscirò ad incontrare anche te dal vivo, così giudicherai se sono abbastanza bionda. E' una minaccia, sì :P

      Elimina
  7. Prima di tutto ti dico che io simboleggio benone il pubblico ignorante, perché di teatro lo sono davvero; non solo, ma ho una specie di avversione per questo contatto così ravvicinato, che rende nudi sia l'attore che lo spettatore. Mi serve lo schermo, insomma, o mi sento in imbarazzo. Detto questo, i tuoi pezzi mi sono piaciuti e ti ho trovata davvero brava a interpretare situazioni così diverse. Solo una cosa posso "suggerirti" (ah, che ridere!), e cioè una maggiore mobilità della testa e delle spalle. Sicuramente dipende dal fatto che i monologhi sono a mezzobusto, ma ho avuto l'impressione che mancasse un po' di profondità e di movimento verticale oppure obliquo, tipo testa china oppure protesa in avanti, mentre il movimento della testa da destra a sinistra e viceversa è molto evidente. Penso che queste mie considerazioni valgano circa zero, ma ci ho provato! Grazie della bella iniziativa e dei buoni risultati; mi hai fatto piacere un po' di più il teatro. Un "bravi!" anche agli autori dei monologhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo mai pensato che qualcuno potesse avere un'avversione al teatro per questo motivo... di solito la motivazione che sento ripetere è che il è noioso o cose simili.
      "Mi hai fatto piacere un po' più il teatro" è una frase che mi ha fatto illuminare. Se è così, sono davvero contenta ed onorata.

      Grazie per i suggerimenti, sto lavorando per metterli in pratica. Tranquilla che le tue considerazioni valgono molto più di zero, anzi ci tengo a conoscere le opinioni di tutti voi!

      Elimina
  8. Oggi sono stato parecchio impegnato anche io ma finalmente riesco a passare e a commentare :)
    Innanzitutto è stato piuttosto impressionante sentire recitare un pezzo mio: una sensazione che non so spiegare, un'emozione forte. Mi è sembrato di farmi vedere nudo per strada :) e mi sono molto vergognato di non aver saputo darti un pezzo che meritasse il tuo sforzo.

    Sono d'accordo su tutto quanto ti è stato detto finora, a partire dai complimenti. Ti faccio i complimenti anche per la dizione, vero tallone d'Achille per i veneti (la mia famiglia in parte è veneta e lo so bene).
    Sono d'accordo anche sulle impressioni che ne hanno ricavato gli altri: la voce a volte si faceva fatica a distinguere e non sempre hai accompagnato con il corpo il testo. Certo che stare seduti sul letto è un handicap grave in questo caso e giustifica ampiamente una certa staticità. Un regista d'esperienza, forse, ti avrebbe aiutata con un qualche escamotage ma l'importante è l'esercizio per te, al di là del risultato finale.
    Piuttosto che cercare un giudizio tecnico (che non sono in grado di dare) ti dirò invece qual è il pezzo che ho maggiormente apprezzato perché, da spettatore, mi è sembrato tutto "giusto": l'ultimo ("nascere albero").

    Non trattenerti e osa,
    in bocca al lupo e dita incrociate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il tuo pezzo sembrava degnissimo di essere interpretato!
      Non avevo pensato che a voi scrittori potesse fare quest'effetto vedere i vostri monologhi recitati. Eppure, se ci penso, quando qualcuno legge qualcosa che ho scritto io (ma anche un post, non necessariamente qualcosa di poetico) sono molto in imbarazzo e di solito vado nell'altra stanza...

      Mi sforzerò di osare :) Grazie!

      Elimina
  9. Ieri non ne avevo il tempo, ma ora per fortuna sì. Schivando per un pelo i miei consanguinei!
    Sarà dura scegliere il testo, poiché ora si confonde con la tua interpretazione e quindi dovrò per forza rileggerli con calma... Soprattutto perché mi sono molto piaciuti, per come li hai fatti.
    Non ho altro da aggiungere, in verità, rispetto a quello che già è stato detto (tranne, a dispetto di Alma, aver apprezzato tantissimo i gesti di Ghiaccio, che penso sia risultato il mio video preferito... ma forse gode del fatto di essere stato il primo visto, è difficile scegliere)... E me ne dispiaccio, perché so quanto sono importanti i suggerimenti. Ma credo veramente sia già stato detto tutto, contando le difficoltà tecniche che avevi incontrato.
    Ho riso, mi sono emozionata, su "Libera" mi sono venuti i brividi: credo sia veramente il massimo complimento che ti posso fare. E in tutta sincerità. Sei stata brava, mi sei piaciuta, ti trovo anche molto migliorata dalle prime volte che ti vidi recitare.
    Forse in alcuni tratti la mimica facciale avrebbe potuto essere un po' più accentuata, o la gestualità appena un po' più varia. Ma sono la più ignorante di tutti e non vorrei mai che finissi per somigliare a qualcosa di forzato e grottesco.
    Segui quello che ti hanno già detto... e segui il tuo cuore. Sentiti Libera, per rimanere in tema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vostri commenti, a parte alcuni punti in comune (ma quelli sono innegabili e mi ero già ripromessa di lavorarci), stanno dimostrando sempre più che la recitazione è soggettiva. In effetti è perfettamente naturale che uno spettatore apprezzi di più un certo tipo di interpretazione o un certo dettagli, esattamente allo stesso modo in cui non tutti abbiamo gli stessi gusti in fatto di quadri o di musica.
      Se sono riuscita a farvi emozionare anche solo in un punto, comunque, per me è un'enorme soddisfazione. Quello è lo scopo di ogni attore.
      In particolare da te, che mi avevi già visto, apprezzo i complimenti. Mi fa davvero piacere che si notino dei miglioramenti!

      Ce la metterò tutta, promesso!

      Elimina
  10. Che dire che non sia stato già detto. Sono senza parole. Una recitazione che mi ha fatto venire la pelle d'oca. Bravissima!

    RispondiElimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.