13 novembre 2014

Sette anni

Ho pochissima memoria per i numeri e molti problemi con le date, ma alcune le ricordo bene. Non amo particolarmente gli anniversari, ma finisco sempre per ricordarmene e ripensare a che cosa significa quel numero sul calendario.


Non credo che esistano molte persone in grado di festeggiare l'anniversario con un fidanzato che non è nemmeno una persona. Anzi, probabilmente sono io l'unica.
Però il teatro per me è importante come se fosse una persona in carne ed ossa, più importante di alcune persone che ho incontrato e che poi si sono perse.

Non so che cosa mi sia passato per la mente quel 13 novembre del 2007, ma mi ricordo ancora il momento. Da un minuto all'altro, così, ho saputo che volevo fare l'attrice.
Sono passati sette anni e non sono mai riuscita a togliermi quest'idea dalla testa. Forse perché ho provato con la testa, ma in realtà l'idea è nel cuore.

Che cosa farò per festeggiare?
Non ho molta voglia di festeggiare... La verità che ho scoperto in questi anni è che il teatro è uomo e, in quanto tale, a volte può essere un grandissimo stronzo.*
Si diverte ad illudermi e poi finisce puntualmente per farsi desiderare.

Ovviamente, non posso sapere come finirà. Per ora continuo, poi magari un giorno rinuncerò, metterò la testa a posto e mi rassegnerò a fare un lavoro normale.
Oggi ho deciso di metterci un po' di ottimismo. Ultimamente, quando recito, mi sembro un po' migliorata e meno bloccata emotivamente. Chissà che non sia un buon segnale. E poi sette è un bel numero.
Quindi, festeggiamo così, con una foto dal mio ultimo spettacolo... In fondo gli anniversari servirebbero per rievocare i momenti felici, no? Questo è stato uno dei momenti più intensi, nonostante le già citate difficoltà nell'espressione delle emozioni.



E poi c'è una poesia che mi aveva dedicato Maria Todesco anni fa (non ricordo nemmeno esattamente quanti) e che recentemente mi è ritornata in mano, quasi per caso:

"La maschera cade
Non sono più sul palco:
Davanti c'è la mia vita
Dietro i miei passi.

E il calar del sipario si chiude su di me

Coprendo un pezzo dell'anima mia
E come una doccia fredda
Quello scroscio di applausi
Mi costringe a ricordare
Che nel teatro non sono sola."

Ora è più vero che mai: non solo sola. Ci siete voi che mi sostenete.
GRAZIE.

- dramaqueen


_________________________________________

(*) Non me ne vogliano i maschietti che stanno leggendo in questo momento. Sono un po' amareggiata verso la categoria, ma so che non siete tutti così, ci mancherebbe. Come so benissimo che anche le femminucce possono essere delle grandissime stronze, se vogliono. Dipende dalla persona e dalla situazione.
Il mio era solo uno sfogo, perché dai cattivi ragazzi in carne ed ossa sono sempre riuscita a tenermi lontana... e poi ci sono caduta con questo, che non è nemmeno una persona vera. Stupida me.





9 commenti:

  1. Il post è venuto veramente benissimo e la foto è molto bella. Brava Elisa!
    E logico che ci siamo noi. :)

    P.S. Grazie per la citazione... D'altronde la poesia è per me il modo migliore per veicolare i messaggi che altrimenti non riesco assolutamente a dire. Quindi spero di potertene dedicare altre, sullo stesso argomento. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo str... ringrazia, e anche io! ;)
      Mi sembrava giusto ringraziarvi del sostegno. E la tua poesia era molto adatta.

      Elimina
  2. Che, si fanno gli auguri in questo caso? Se sì, AUGURI!
    E non rinunciare al tuo sogno, mai ;)
    Bellissima la foto comunque

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che gli auguri vadano bene, grazie :)
      Ancora per un po' non smetterò di seguire il mio sogno, poi si vedrà se porta da qualche parte... Grazie per l'incoraggiamento!
      La foto l'ha fatta mio padre e io poi ho modificato le luci e le ombre a computer.

      Elimina
  3. Ciao Drama Queen. Per caso sono capitata nel tuo blog e sono rimasta molto colpita... mi sono tornati alla mente vecchi ricordi... al liceo facevo teatro e mi piaceva tanto, era la mia seconda vita... poi con l'università ho preso un'altra strada, ma non smetto mai del tutto di sognare. Quindi ti capisco... vai avanti, sogna, provaci... come quando ti fanno soffrire gli uomini... ma alla fine la forza per rialzarci la troviamo sempre :)

    "Anche se le persone si feriscono a vicenda, più e più volte, amare qualcuno non è mai una cosa inutile, vero?"

    In bocca al lupo e buon anniversario :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel mio blog! Eh sì, hai ragione... bisogna sempre rialzarsi! Anche e soprattutto quando qualcuno ci ha fatto del male, perché non dobbiamo dargliela vinta, o no? :)
      Per ora continuo a sognare. Ti ringrazio moltissimo dell'incoraggiamento!

      Elimina
  4. Beh, auguri! :D
    Se non è finita dopo tutti questi anni, è probabile che questo fidanzato te lo porterai appresso per sempre. Speriamo diventi anche un marito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      C'è stato un momento in cui ho pensato di voler abbandonare il teatro, quindi qualche litigata l'abbiamo avuta... Ma sogno anch'io che un giorno diventi un marito... Sotto sotto, sono una persona romantica anche io ;)

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.