17 gennaio 2015

Consigli ad una giovane attrice

Qualche giorno fa, ho avuto una sorpresa che mi ha fatto molto piacere: mi è arrivata una mail da parte di una ragazza di quattordici anni che mi ha trovato tramite il blog. Anche lei vorrebbe fare l'attrice e mi ha chiesto di darle qualche consiglio per realizzare le sue ambizioni.
Il primo effetto, dopo la lettura, è stato farmi sentire molto vecchia: se penso che io ero esattamente come lei... otto anni fa!


Il secondo effetto, però, è stato di incredibile felicità. Se qualcuno mi scrive dicendo che ha trovato utili i miei post e mi chiede ancora dei consigli, allora vuol dire che il blog ha raggiunto il suo obiettivo. Aiutare i giovani aspiranti attori e condividere con loro la mia esperienza è il principale scopo per cui ho aperto questo spazio virtuale.

Detto questo, però, devo ammettere che io sono la persona meno adatta per dare consigli. Sto ancora cercando la mia strada e non so se riuscirò mai a fare del teatro una professione.
Nonostante ciò, ho provato a dare qualche suggerimento a questa ragazza. Poi ho pensato che avrei potuto riportare anche qui quello che le ho scritto, nel caso possa tornare utile a qualche altro giovane attore che forse passerà di qui.
I suggerimenti che darei ad un aspirante attore ancora agli inizi sono questi:


Fai bene ad essere ambizioso

Quando si ha una passione (cosa che io posso capire molto bene) è naturale avere il desiderio di migliorare sempre di più e raggiungere ottimi risultati. Sono anch'io una persona ambiziosa e lo sono stata sempre, fin da quando ho iniziato a fare teatro. Puntare in alto è la chiave del successo, perché spinge a migliorarsi e a credere nel proprio obiettivo.
Poi, magari, non tutti i tuoi sogni si realizzeranno nel modo previsto e troverai un via alternativa... ma, come si dice, "punta alla Luna: se anche dovessi mancare il bersaglio, atterrerai tra le le stelle". Magari non vincerai un Oscar, ma otterrai comunque un risultato soddisfacente.


Inizia un corso di teatro

In tutti gli ambiti artistici serve tempo per imparare bene la tecnica di base e assimilarla, quindi iniziare presto ti darà sicuramente un vantaggio. Puoi essere ambizioso quanto vuoi, ma senza la preparazione giusta non raggiungerai i tuoi obiettivi. Per ulteriori informazioni sul percorso di studi da seguire per diventare attore, puoi leggere anche questo post.


Non farti prendere dall'ansia

Probabilmente ti capiterà di vedere ragazzi tuoi coetanei o di pochi anni più grandi che hanno già ottenuto ruoli importanti o comunque hanno già esperienza, ma non preoccuparti per questo. Ognuno ha i suoi tempi ed il suo percorso: è più importante studiare e prepararsi bene, piuttosto che iniziare presto, ma senza un'adeguata preparazione.


Vai a teatro

... e osserva le interpretazioni degli attori già famosi (anche cinematografici).

Puoi riguardare i film che hai già visto: in questo modo, se la prima volta eri concentrata sullo svolgimento della trama, la seconda volta potrai concentrarti sul modo di recitare degli attori. Osserva le espressioni facciali, i movimenti del corpo, ascolta come usano i toni di voce.


Impara bene l'inglese

... perché il tuo lavoro potrebbe portarti anche lontano dall'Italia, se saprai cogliere l'occasione giusta. Scegli una scuola in cui l'insegnamento dell'inglese occupa un buon numero di ore, oppure frequenta un corso.

Per allenarti ulteriormente nell'uso della lingua e perfezionarti oltre il livello scolastico, ti consiglio di guardare molti film americani in lingua originale, prima con i sottotitoli in italiano, poi con i sottotitoli in inglese e alla fine sarai in grado di capirli anche senza sottotitoli.


Rompi le scatole

Fai domande ai tuoi insegnanti, contatta attori più esperti per chiedere informazioni sul loro lavoro e sul loro percorso di studi, proponiti per partecipare a dei progetti... Probabilmente pochi ti risponderanno, perché purtroppo le cose vanno così, ma tu insisti per dimostrare quanto vali. Prima o poi, troverai qualcuno che crederà in te e ti indirizzerà sulla strada giusta.

Faccio tutti i miei migliori auguri alla ragazza che mi ha scritto e a tutti gli altri che condividono il suo (o nostro) sogno!


Per concludere, vi lascio con due segnalazioni:

  • Qualche giorno fa, il primo dei miei post sulla storia del teatro è stato ripubblicato su Talento nella storia, portale di informazione storica e culturale, gestito da Andrea Contorni Rocchi a cui contribuiscono numerosi altri autori. Sono onorata di essere entrata a far parte del suo gruppo di collaboratori e ringrazio il responsabile del sito per lo spazio che mi ha voluto dare. Potete trovare il mio primo articolo a questo link.
  • Oggi è stata pubblicata sul Blog mostra talenti l'intervista che Lucia Donati mi ha fatto. Sono contenta che il mio blog le sia sembrato interessante a tal punto da volermi porre delle ulteriori domande. Questo è il link dell'intervista.

Ora che osservo meglio, la parola "talento" è presente in tutte e due queste segnalazioni... speriamo che sia un buon segno!

- dramaqueen




Immagine di Elisa Elena Carollo
Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo

24 commenti:

  1. Ooooh, che bello!!! :)
    In bocca al lupo a questa giovinetta! Magari un giorno vi rincontrerete sul palco. ;)
    Ottimo inoltre per le due segnalazioni. E non credendo io nelle coincidenze, è sicuramente un buon segno. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei vorrebbe fare l'attrice cinematografica (ecco perché ho consigliato anche di imparare bene l'inglese a chi abbia aspirazioni simili) però non si sa mai... sarebbe una cosa molto bella :)
      Neanche io credo nelle coincidenze, soprattutto dopo aver conosciuto Trenord :P

      Elimina
    2. Hahahahahahaha! I treni <3
      Comunque secondo me un attore è pur sempre un attore... Come uno scrittore è pur sempre uno scrittore, sia esso poeta, romanziere, sceneggiatore o che dir si voglia... Certo, alla fine sono cose molto diverse, pressioni anche completamente opposte (l'attore cinematografico può ripetere 100 volte la stessa scena, il teatrante pronto o meno si ritrova in un costante "buona la prima") ma si parte dalla stessa base, si usano le stesse tecniche e uno non esclude l'altro. :)

      Elimina
    3. In realtà non sono così diverse, quello che intendevo io è che non ho ancora intenzione di andare all'estero. Magari un giorno mi stuferò dell'Italia, non è detto...

      Elimina
    4. Aaah, comprendo. Be', si possono fare anche solo brevi trasferte. ;)

      Elimina
    5. Non sai quante trasferte mi fare già da adesso, se avessi i soldi per farlo ;)

      Elimina
  2. Ancora io... :) Conosco il sito "Talento nella storia". Tempo fa lo avevo incluso nel mio sito di scrittura, nell'elenco dei link interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' effettivamente interessante e ci sono anche molte persone più preparate di me :)
      Grazie ancora!

      Elimina
    2. Prego, è stato un piacere! Ho letto il tuo articolo sul sito "Talento nella storia": ben fatto. Mi è venuta in mente una cosa sull'origine della tragedia che si perde nella notte dei tempi (forse prima della Grecia antica...). Forse in qualche modo le sue origini si potrebbero agganciare ad antichi riri iniziatici o a pratiche magiche ancora più antiche? Nella pratica magica la rappresentazione è importante. Si tratta solo di un'ipotesi che mi è balenata in mente. Difficile scavare in quest'ambito. L'ho trovata un'idea che magari può ispirare qualcuno a fare ulteriori ricerche. Chissà... :)

      Elimina
    3. La tua ipotesi potrebbe essere plausibile, ma non saprei dirti di più: ho solo riportato le teorie che avevo studiato al liceo in letteratura greca. Non sono un'esperta antropologa, purtroppo :)

      Elimina
  3. Dai!!!! Che bello!!!!!
    E' sempre un piacere quando ti scrivono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me era la prima volta, quindi ero molto sorpresa, oltre che contenta!

      Elimina
  4. Io avrei aggiunto ancora questo consiglio: hai presente Belen Rodriguez? Bene, fai l'esatto contrario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ti sta proprio antipatica, eh... ;)
      Purtroppo, invece, per diventare famosi bisogna fare come lei... ma spero che l'obiettivo degli aspiranti attori sia diventare bravi, prima che famosi.

      Elimina
    2. Forse c'è di peggio, ma rimane un ottimo esempio.

      Elimina
    3. Preferisco non interrogarmi troppo sulla questione, ma sì, c'è di peggio.

      Elimina
  5. Hai fatto bene a dare questi consigli. Potranno sempre servire ad un aspirante attore, perché sono giusti, corretti ed equilibrati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal basso della mia poca esperienza, ho cercato di pensare ai consigli più sensati che mi potessero venire in mente. Sono contenta che anche a te sembrino giusti :)

      Elimina
  6. Complimenti per tutto, di cuore. Interessante anche l'intervista, per conoscere un pezzetto in più di te :)

    RispondiElimina
  7. trovo i consigli utili per qualunque persona..
    nel senso che, quando si vuole intraprendere una professione, è importante sempre approfondire al meglio le varie sfaccettature del lavoro, frequentare l'ambiente che si vorrebbe come proprio scenario, e non demordere mai nei propri obiettivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel mio blog!
      Hai ragione, questi consigli possono essere riportati su una scala più ampia ed adattati anche a chi ha altri obiettivi nella vita.

      Elimina
  8. Hai dato degli ottimi consigli.

    E complimenti per le due segnalazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti :) Spero che i miei consigli siano utili a qualche aspirante attore che passa di qui.

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.