1 maggio 2015

Drama Queen e il mondo del cinema - Liebster Award 2015

Sempre così. Cerchi di stare attento e credi di aver messo sotto sorveglianza tutte le barricate, ma quando meno te l'aspetti ti colpiscono alle spalle. Avevo detto che non l'avrei più fatto, che ero stufa di premi, invece mi è arrivato e non sono riuscita ad evitarlo.
Sono stata colpita alle spalle da un Liebster Award.


Chi mi ha colpito... volevo dire, insignito è un lettore del tutto inaspettato, un blogger che non conoscevo e che non sapevo leggesse il mio blog. Il premio, quindi, mi ha fatto ancora più piacere perché è stato accompagnato dalla sorpresa di aver acquisito un nuovo lettore!
Questo blogger misterioso è Vincenzo Disalvio, alias Il cinefilo che sapeva troppo poco.

Certo che, se lui sa troppo poco, io allora non so proprio niente. Lui scrive di cinema, e ne scrive bene, ma io di cinema so pochino. Non ho mai visto parecchi film che sono considerati delle pietre miliari nella storia del cinema e mi dico sempre che rimedierò, ma non l'ho ancora fatto.
In attesa di raggiungere una cultura cinematografica decente da spettatrice, però, vi posso raccontare perché diventare una stella del cinema non è mai stata una delle mie aspirazioni più alte.

on ho niente contro il cinema e mi piacerebbe molto provare un modo di recitare diverso da quello del teatro. Una volta ho anche fatto un provino per un cortometraggio. Era a compenso zero e io sono abbastanza contraria a questo tipo di cose, ma avrei fatto un'eccezione per fare un'esperienza nuova. Poi non sono stata presa, ma mi sarebbe piaciuto mettermi alla prova.
Il problema è un altro, cioè che quasi tutti coloro che vogliono diventare attori cinematografici aspirano a diventare famosi. Vogliono disperatamente diventare famosi. Si vedono già a Hollywood sulla Walk of Fame oppure con un Oscar in mano, mentre tengono il discorso di ringraziamento.
A me, in tutta sincerità, non è mai interessato diventare famosa. Il mio sogno è quello di trasformare la mia passione in un lavoro, non di firmare autografi a destra e a manca. Ecco perché preferisco tenermi lontana da questa folla agguerrita e concentrarmi su un altro campo in cui forse c'è un po' meno concorrenza e forse ci sono anche un po' meno raccomandati.
Sì, lo so che è un'utopia lo stesso, ma lasciate che mi illuda ancora per un po'.

Ed ecco perché (a meno che un famoso regista non resti ammaliato dal mio talento e decida di scritturarmi, così dal nulla) non mi vedrete diventare la nuova stella del cinema italiano. Non che sia una gran perdita per voi, forse starete meglio così...
Ma adesso è meglio tornare con i piedi per terra: dato che l'Oscar non lo vincerò mai, accetto volentieri il Liebster e rispondo alle dieci domande di Vincenzo. Sempre, ovviamente, a tema cinematografico:


1- Prima volta al cinema. A che età e per quale film?

Non sono sicurissima, ma ricordi più o meno sbiaditi mi suggeriscono che fosse "Pocahontas" nel lontano 1995. Quindi avevo tre anni.
I primi film che ricordo effettivamente di aver visto sono "Mulan" e "Il principe d'Egitto" (l'apertura delle acque del Mar Rosso faceva una discreta impressione, vista sul grande schermo).


2- Ultimo film visto in sala? Il prossimo che (probabilmente) andrai a vedere? (spero per te che tra le risposte non ci sia Avengers).

Purtroppo non vado spesso al cinema: ho questa strana filosofia per cui mi sembra deprimente andare al cinema da sola e ultimamente la mia vita sociale langue. Per questo motivo, ho difficoltà a ricorda quale sia l'ultimo film che ho visto al cinema. Credo "Rush" di Ron Howard.
Il prossimo che andrò a vedere... Ehm ehm... Non ne ho proprio idea, tanto più che da quando mi sono abituata a vedere i film in lingua originale non ho nemmeno troppa voglia di andare al cinema a vederli in italiano. Sono un caso disperato. Vi prego, qualcuno si offra di portarmi al cinema!

Riguardo agli Avengers, non ho visto neanche il primo e non amo particolarmente i film di supereroi, quindi credo che potrò sopravvivere senza vederlo.


3- La tua posizione nei confronti della pirateria? Poi controlla su torrent e dimmi a che percentuale è l'ultima puntata di Game of Thrones.

Non credo che abbia senso fare questa domanda a una come me. All'arrembaggio!


4- Pasolini faceva recitare nei propri film persone prese dalla strada, Snyder utilizza sempre attori formidabili. 

Secondo te, quanto è importante la bravura di un attore in un film? Leggere Pasolini e Snyder nella stessa frase ti ha provocato conati di vomito?

Sono ovviamente di parte, ma la bravura degli attori secondo me è MOLTO importante in un film. Avere una buona sceneggiatura e una buona regia ma far recitare degli attori cani sarebbe come avere un grandioso progetto per un edificio ma farlo eseguire ad una squadra di muratori e imbianchini incapaci. Si potrebbe ancora intravedere la grandezza del progetto iniziale, ma il risultato non sarebbe lontanamente paragonabile a quello sperato.


5- Apocalypse Now, Arancia Meccanica, 8½, Roma Città Aperta. Tutti film che alla prima visione mi hanno fatto cagare non ho apprezzato ma che adesso reputo capolavori. 
Ti è mai capitato di reputare un film brutto o sopravvalutato e di doverti ricredere?

Non ricordo che mi sia ancora successo. Forse perché già non ho tempo di vedere i film per la prima volta, figuriamoci di riguardarli poi...


6- E c'è un film che tutti reputano un capolavoro e che a te continua a non piacere per nulla?

Non è proprio quel che si dice un capolavoro, ma molti restano stupiti quando lo rivelo: non sono mai riuscita a vedere "Titanic" fino alla fine. Sarà la mia avversione ai film romantici, ma ogni volta che lo danno in TV ci riprovo e ogni volta mi annoio dopo un quarto d'ora. Poi, puntualmente, trovo qualcosa di più interessante da fare e spengo il televisore.


7- Nel 2013, secondo l'Istat, 6 italiani su 10 non hanno letto nemmeno un libro. Io più di uno l'ho letto e conosco altri tre che hanno fatto lo stesso. Non dirmi che fai parte di quei 6. Quanti libri leggi mediamente in un anno?

Non faccio parte di quei sei, anche se purtroppo leggo poco. Molto meno di quello che vorrei. Prima di iniziare l'università ero uno schiacciasassi e macinavo un libro dietro l'altro, ora ho molto meno tempo. Per fortuna, dover fare un'ora di treno al giorno mi salva un poco, ma quest'anno non ho ancora finito un libro. Ma forse è perché il libro in questione ha più di mille pagine, quindi posso considerarmi perdonata.


8- Un libro, un film, una serie tv ed un disco che ritieni imperdibili?


Come libro, sicuramente "Fahrenheit 415". Come film, "Il cigno nero" di Aronofsky.
Come serie TV, anche a costo di scatenare le ire di qualcuno, dico "The big bang theory". Può sembrare una scelta stupida, ma secondo me invece è fatta molto bene, fa ridere senza essere volgare, i personaggi sono così assurdi da risultare realistici e, chissà, magari potrebbe far nascere in qualcuno la curiosità verso la scienza.
Manca solo l'album e ce ne sarebbero tantissimi da nominare, ma secondo i miei gusti personali dico "Once" dei Nightwish (provate a dire che Ghost Love Score non è un capolavoro di canzone).


9- I film di Quentin Tarantino hanno uno stile riconoscibile. Ma questo vale anche per quelli di Michael Bay. Perché secondo te uno è definito autore e l'altro pippone?

Non sono di certo un'esperta critica cinematografica, ma mi viene il dubbio che un regista, se punta tutto su esplosioni, robot giganti e cosce di Megan Fox per essere sicuro del successo del film, forse non sia così interessato ad essere definito "autore". Forse gli interessa di più l'aspetto commerciale.


10- Chi, secondo te, vincerà la Champions League quest'anno?

Adoro il calcio come sport quando c'è da giocarlo o vederlo giocare nel campetto del patronato, conosco le regole (sì, anche il fuorigioco), ma inizio a provare una forma di noia assoluta non appena vedo un partita in televisione. Spero che vincano quelli che giocheranno meglio, ecco.

____________________________________


E ora tocca alle nomination! Questa volta non mi sono arrivate delle regole ferree da seguire e la cosa brutta, quindi, è che non posso stravolgerle come mio solito. Questo rende tutto molto meno divertente, ma nomino lo stesso tre blogger che sono, in qualche modo, miei colleghi perché recitano anche loro:

  • Simone D Marques del blog The Sound of Simon
  • Luz di Io, la letteratura e Chaplin (precendemente "Becoming Luz"... anzi, chiedo scusa perché mi ero persa questo cambio di indirizzo del blog)
  • Alma Cattleya del blog Farfalle eterne, che non accetta mai i premi (e fa bene), ma forse accetterà di rispondere a queste domande fatte solo per curiosità.


Ed ecco qualche domanda per voi che siete del mestiere, o almeno condividete la mia passione anche se non lo fate come lavoro:

1- Che cosa ami di più del mestiere di attore?
2- Che cosa, invece, ti piace di meno?
3- Potendo scegliere, preferiresti un ruolo al cinema o a teatro?
4- Qual è il primo spettacolo teatrale che ricordi di aver visto?
5- Ti piacerebbe recitare uno spettacolo nel tuo dialetto invece che in italiano?
6- E in una lingua straniera?
7- Qual è il personaggio teatrale che sogni di interpretare?
8- Di quale film avresti voluto essere protagonista?
9- Ti piacerebbe recitare in un musical?
10- Per una volta non puoi fare l'attore, ma ti permettono ugualmente di lavorare dietro le quinte del teatro, come scenografo oppure costumista, tecnico, coreografo... quale di questi lavori ti piacerebbe provare a fare?


Non sentitevi obbligati, ma mi piacerebbe che rispondeste a queste mie curiosità.

- dramaqueen




Immagine di Social World Film Festival (Flickr)
Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

18 commenti:

  1. Il Principe d'Egitto... e io che mi ricordo di esserlo andato a vedere coi miei compagni di liceo!
    Non per essere rompi verso il tuo nuovo lettore, ma le domande mi sono sembrate un po'... beh, prive di eleganza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo non dire così che mi fai sentire come se fossi nata ieri! :/
      Le domande erano ironiche ed erano rivolte anche ad altri blogger con cui Vincenzo probabilmente ha più confidenza... Ma io non sono una persona elegante, quindi non vedo il problema ;)

      Elimina
  2. diciamo che non li accetto più e ti ringrazio molto per il pensiero.
    Eccoti le mie risposte:

    1) Che cosa mi piace? Beh il teatro mi permette di fare cose che nella vita di tutti i giorni non farei mai. Per esempio il mio lato viscerale che spesso ricorre nelle mie interpretazioni (anche se non vorrei essere solo quello) nella vita quotidiana non avrebbe sufficiente spazio. Posso essere tanti aspetti, tanti volti, tante voci.
    2) Quello che non mi piace del teatro è il modo in cui molte volte è fatto. Atteggiamenti pomposi che ti chiedi se fra un po' prende il volo (almeno così se ne va), il corpo che sembra di piombo, la voce che sembra finta. Poi anche diverse persone. Ho visto alcuni che in spettacoli si comportavano da primedonne (anche i maschi).
    3) Non escludo a priori un'interpretazione al cinema se mai mi dovesse capitare (oh, non si sa mai :D ) anche se comprendo la difficoltà e la differenza tra i due modi di recitare. Nel cinema ti devi trattenere un po' più rispetto al teatro e si gira a spezzoni non seguendo la storia. Quindi a dir la verità non saprei.
    4) Quello che mi ricordo è stato uno alle elementari basato su un libro che prima avevamo letto ovvero Lo stralisco di Roberto Piumini. Il libro lo conservo ancora adesso.
    5) Il dialetto dovrei reimpararlo. Lo parlo un po' ma diciamo che lo parlavo di più quando i nonni erano vivi. Ora che sono morti, è come se anche il parlare il dialetto fosse andato via con loro.
    6) Una lingua straniera? Non saprei. Se capita chissà...
    7) e 8) In questo momento non mi viene in mente niente. Sorry
    9) Mi piacerebbe tanto ma spero che non siano quei musical dove si balla in continuazione perché purtroppo per le mie gambe è troppo. Non ho delle buone gambe (è una lunga storia)
    10) Il trovarobe! Diciamo che ho un talento nel cercare e cercare (quando si tratta di trovare cose mie che ho perso quasi mai). E trovo anche molte cose bizzarre. A volte le compro per me e mi dico "Mi potrebbe essere utile per il teatro" anche se in quel momento non sto facendo niente o non sto preparando qualcosa che serva però è successo che è servito per il futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le risposte :)
      Sono d'accordo in particolare con le prime due (le primedonne ci sono dappertutto, ma in teatro sono senza freni). E capisco la storia degli oggetti perché io tengo tutto con la scusa che prima o poi mi potrebbe servire.

      Elimina
  3. Confermo: Ghost Love Score è un capolavoro, come tutto l'album d'altra parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sapevo che avrei avuto il tuo appoggio :D

      Elimina
  4. Non ti dispiace vero (altrimenti cancellami) se ti rubo un po' di spazio e rispondo alle domande sul cinema? E' che non so resistere alle domande sul cinema... :P

    1) Bella domanda davvero. Credo il mio primo film al cinema sia stato, nel 1966, "Paperino & C. nel Far West".
    2) Ultimo film in sala? "La terza madre" di Dario Argento. Il prossimo? Nessuno, credo.
    3) Ti quoto: All'arrembaggio!
    4) I film di Pasolini sono capolavori ma molte volte le recitazioni mi hanno lasciato basito... secondo me è meglio usare professionisti.
    5) Potrei sbagliarmi, ma non mi sembra di avere mai rivalutato un film che non mi era piaciuto alla prima visione.
    6) Sono tanti. Un cosiddetto capolavoro che proprio detesto è "Identificazione di una donna" di Antonioni, ma credo sia da imputare allo zampino di Tonino guerra che è riuscito a rovinare in parte anche "Nostalghia" di Tarkowsky.
    7) Mediamente in un anno leggo una trentina di libri. Ma la metà sono riletture. Amo rileggere i miei libri libri cult così come amo rivedere i miei film cult.
    8) Il libro è "Il maestro e Margherita". Il film è "Picnic a Hanging Rock". La serie tv è "Vikings". Il disco è "L'arte della fuga" di Bach.
    9) I pareri della critica non mi interessano. I registi mi piacciono o no in base ai miei gusti personali non per come sono valutati dall'alto.
    10) Odio il calcio e lo sport in genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non scusarti, prenditi pure lo spazio! Sono contenta di concedere spazio ad altri, finché rimane almeno un angolino per me :)
      E poi io posso solo imparare dalla tua sapienza cinematografica!

      Elimina
  5. Nemmeno io adoro i premi e nei 15 mesi trascorsi dall'apertura del mio blog li ho evitati come fossero la peste. Questo però sembrava simpatico, o quanto meno poteva servire per conoscere e far conoscere dei blog. Il tuo mi sembra (sebbene sia poco attinente con l'argomento trattato sul mio) interessante e meritevole di attenzione.
    P.S: la prossima volta guardati meglio le spalle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito tengo sotto controllo i miei nemici, ma stavolta un cecchino si era nascosto troppo bene e mi ha fregato ;)
      La cosa che non mi piace dei premi è che chiedono dieci o quindici nomination quindi puntualmente finisco per nominare tutto il blogroll. Le segnalazioni mi piacciono di più quando sono spontanee e non imposte da regole. Però adoro rispondere alle domande, quindi non ho resistito.
      Ti ringrazio ancora per la nomination inaspettata e spero di continuare a scrivere post che ti interessino :)

      Elimina
  6. Beh, un award fa sempre piacere, no? ;-)
    Io non sono "del mestiere", al teatro posso andarsi solo da spettatore. Non sarei capace di recitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che fa sempre piacere... ma tre di fila sono troppi, rischio di montarmi la testa! ;)
      Non tutti possono essere capaci di fare tutto... Ci sono un sacco di cose che io non so fare, ad ognuno i suoi talenti.

      Elimina
  7. Io Titanic non l'ho mai visto! :°D E mi addormento a circa la metà di Mullholand Drive di Lynch... non ce la faccio sul serio ad andare avanti con questo film! :/
    Complimentissimi per il premio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel club ;) Grazie e complimenti anche a te per tutti premi che hai ricevuto!

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.