21 agosto 2015

Esercizi per riscaldare la voce

Prima di iniziare qualsiasi tipo di performance che coinvolga la voce (e sto parlando sia del canto che della recitazione) è necessario scaldarla, per evitare di sforzarla e per raggiungere le prestazioni migliori.


Esistono diversi esercizi per il riscaldamento vocale: alcuni coinvolgono solo la voce, altri tutto il corpo, altri sono esercizi specifici per i cantanti, che però possono essere utili anche agli attori.
Non è necessario eseguirli tutti ogni volta. Sarebbe di certo utile, ma impieghereste tantissimo tempo per preparavi prima di ogni lezione di teatro e poi non avreste più tempo per il resto!
E' sufficiente per voi trovare una serie di tre o quattro esercizi con cui vi sentite a vostro agio.

Un riscaldamento, se ben eseguito, può durare anche 10-15 minuti ed è più che sufficiente a prepararsi per la performance successiva.
Prima delle lezioni di canto, il riscaldamento che eseguivo durava più o meno un quarto d'ora, quindi che credo che possiate fidarvi, dato che la mia insegnante era una cantante lirica esperta.

Quelli elencati qui di seguito sono alcuni esercizi che potete provare ad eseguire per un perfetto warm-up delle vostre corde vocali e sono divisi per categorie:


Esercizi per tutto il corpo

Gli esercizi di questo tipo servono ai cantanti per rilassare collo e spalle e quindi far uscire la voce in modo più chiaro. Agli attori, che devono recitare con tutto il corpo, possono essere ancora più utili.
Si tratta di semplici esercizi di stretching che comprendono allungamenti, rotazioni del collo e delle spalle e anche movimenti per facilitare la mobilità della mandibola. Spiegarli a parole è inutilmente complicato, quindi vi rimando a questo video (in particolare la prima e la seconda parte):



Esercizi per le corde vocali

Già nell'ultima parte del video precedente si è iniziato a parlare degli esercizi veri e propri che coinvolgono la voce. Servono per mettere in movimento in modo graduale le corde vocali senza sottoporle a sforzi eccessivi ed improvvisi.
Eccone elencati alcuni che potete fare:
  • Zanzara: riprodurre il suono "zzzzzz" simile al ronzio di una zanzara. Il suono che emettete è già una nota di partenza; dopo la prima, aumentate l'altezza della nota e ripetete l'esercizio. Non raggiungente note troppo alte, ne bastano solo un paio, perché siete solo all'inizio del riscaldamento.
  • Edge sound: emettere una nota bassa, simile al cigolio di una porta vecchia. Vi rimando al video alla fine del paragrafo per una spiegazione più dettagliata.
  • Suoni nasali: a bocca chiusa, emettere il suono "mmmm" o "nnnnn", prima rimanendo sulla stessa nota e poi variando l'altezza compiendo un piccolo vocalizzo.
  • Sirena: imitare il suono di una sirena dell'ambulanza, partendo da una nota bassa, arrivando ad una nota alta e poi ritornando di nuovo in basso. Questo esercizio permette alle corde vocali di distendersi.
  • Lip roll o bubble sound: far vibrare le labbra come quando si sbuffa, ma controllando l'emissione dell'aria ed emettendo contemporaneamente una nota. Spiegato così non è chiarissimo, quindi vi consiglio di guardare questo video per capire meglio come fare. 
All'inizio sembra una cosa molto complicata e non ci si riesce subito. Io ci ho messo quasi un mese ad imparare e ancora oggi non sono sempre in grado di arrivare in fondo al vocalizzo, quindi non preoccupatevi... è questione di allenamento!

Potete trovare un sommario di quasi tutte queste tecniche nel video seguente:



Vocalizzi

I vocalizzi vengono utilizzati soprattutto dai cantanti, ma anche voi potete farne qualcuno, per scaldare la voce. Possono essere utili anche agli attori, specialmente se devono utilizzare un ampio range di altezza della loro voce durante la performance
Un vocalizzo è una successione di note cantata senza parole. I più semplici seguono una scala, altri saltano da una nota ad un'altra distante in altezza. Se volete esercitarvi con un vocalizzo semplice, ne potete trovare un esempio qui.


Esercizi di articolazione

Un aspetto non molto importante per i cantanti ma essenziale per gli attori, invece, è articolare le parole nel modo corretto, per risultare sempre comprensibili.
Ecco qualche esercizio che potete fare per migliorare quest'abilità:
  • Ripetere le varie consonanti accompagnate, a turno, da tutte le vocali:
pa pe pi po pu / ta te ti to tu / la le lu lo lu... E così via.
  • Leggere dividendo le parole in sillabe: questo aiuta a concentrarsi su tutte le singole parti di una parola e a non pronunciarla distrattamente o facendo caso solo all'accento.
  • Recitare uno scioglilingua: quello che volete, dai famosi trentatré trentini alla capra sotto la panca alle tigri che combattono contro altre tigri. Anche più di uno, soprattutto se avete problemi con le allitterazioni di una particolare lettera.
Per altri esercizi simili e spiegazioni più dettagliate, vi rimando a questo link che fa parte di un corso per speaker.


Ora che avete riscaldato la voce, potete lanciarvi nella vostra esibizione senza paura!

Ma non dimenticate il raffreddamento vocale, necessario dopo l'uso prolungato della voce. Soprattutto dopo aver cantato, ma anche dopo aver parlato molto a volume alto (come accade in teatro) bisogna abituate di nuovo la voce a parlare normalmente.
Questo si fa eseguendo qualche semplice scala, ma questa volta partendo dalle note alte per arrivare a quelle basse. Oppure, ripetendo l'esercizio della sirena o dei suoni nasale. Non è necessario tenere nessuna nota particolare, perché lo scopo è solo il defaticamento delle corde vocali.
Infine, se avete sforzando la voce cantando o parlando molto a lungo, dopo il raffreddamento è bene stare un po' in silenzio, per far riposare le corde vocali.

- dramaqueen



Leggi anche: Fai un respiro... ma nel modo giusto!

Ulteriori informazioni sull'argomento a questi link:

Immagine: Charlotte Wessels durante un concerto (Wikipedia)
Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo

2 commenti:

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.