14 settembre 2015

Il teatro non va in vacanza #2 - Praga

Ora lo rivelo ufficialmente: la destinazione misteriosa del mio viaggio era Praga. Ovviamente, non è un mistero per coloro che mi seguono su Instagram, dato che durante la mia permanenza ho pubblicato più di qualche immagine.
Anche se ho visto bellezze e monumenti di ogni genere, tra gli edifici storici non ho potuto fare a meno di notare i teatri... e di pensare a voi lettori. Già l'anno scorso vi avevo raccontato alcune delle mete dalla mia vacanza sfruttando la chiave teatrale (nel post Il teatro non va in vacanza), quindi perché non rispolverare l'idea?

Partendo dal presupposto che a Praga ci sono tantissime cose da vedere e tutte bellissime, ecco ciò che potete visitare in città, se siete interessati all'aspetto teatrale:


Teatro nazionale


Credo sia impossibile scattare un'immagine che mostri tutta la struttura dell'edificio, perché è circondato da altri palazzi e posto sulla riva del fiume. Salendo su un ponticello, però, sono riuscita a catturare quasi tutta la facciata (che purtroppo al momento è parzialmente in ristrutturazione).

Considerato un importante monumento culturale nazionale, il teatro fu costruito dall'architetto Josef von Zítek durante il Risorgimento ceco.
I lavori per la costruzione durarono dal 1868 al 1881, ma poco dopo l'apertura una parte dell'edificio fu parzialmente distrutto da un incendio. Terminata la ricostruzione, il Teatro Nazionale aprì ufficialmente nel 1883 con la rappresentazione dell'opera "Libuše" di Bedřich Smetana.
Al giorno d'oggi, la stagione teatrale comprende teatro, opera e balletto, non solo con pezzi di repertorio classico ma anche con opere contemporanee.

Teatro Estates


Inaugurato nel 1783, è il teatro più antico di Praga. L'architettura dell'edificio è in stile rococò e il nome, che significa "teatro degli stati", si riferisce ai vari stati che componevano il regno di Boemia. Proprio in questo teatro fu ospitata, nel 1787 la prima del "Don Giovanni" di Mozart. Inoltre, il  21 dicembre 1834 vi fu suonata per la prima volta la canzone "Dov'è la mia patria", poi diventata l'inno nazionale ceco.

Teatro dell'Opera


L'edificio che ora ospita il Teatro dell'Opera, in realtà, fu aperto nel 1888 con il nome di Nuovo Teatro Tedesco. Le compagnie tedesche prima di allora si esibivano al Teatro Estates, alternandosi con le compagnie ceche, ma alla fine del XIX secolo chiesero e ottennero il permesso di costruire un proprio teatro.
Durante il nazismo, il teatro funse prima da rifugio per gli artisti tedeschi in fuga e poi, dopo l'occupazione della Cecoslovacchia, da sede per le assemblee del partito nazista. Dopo la liberazione, l'edificio passò sotto la proprietà del Teatro Nazionale.
Ancora oggi, il teatro onora la sua origine di teatro tedesco attraverso la scelta di alcune delle opere da rappresentare.

Black Light Theatre


Non potevo non citare questo tipo di spettacolo molto particolare tipico di Praga, a cui purtroppo non ho avuto la possibilità di assistere, ma che mi sarebbe piaciuto molto vedere.
Le rappresentazioni si basano sull'uso di una "luce nera" (lampada UV) che rende fluorescenti le superfici bianche, mantenendo invisibili gli altri colori, che vanno a confondersi con lo sfondo nero. In questo modo, gli attori possono apparire e sparire improvvisamente dalla vista degli spettatori e gli oggetti di scena, se portati da attori vestiti di nero, sembrano muoversi di vita propria.
Molte volte, questo tipo di teatro è non verbale e musicale: sono solo le immagini che raccontano una storia attraverso la danza. Potete vedere alcune scene delle performance dell'Image Theatre, che utilizza questa tecnica, in questo video.

Avete visto? Non ho potuto portarvi in vacanza con me, ma siete rimasti nei miei pensieri!
Chissà quale sarà la prossima destinazione e quali teatri scoprirò nel prossimo viaggio...

- dramaqueen



Immagini:

  • Teatro Nazionale dell'autrice del blog 
  • Teatro Estates da Wikipedia 
  • Teatro dell'Opera da Wikimedia Commons (High Contrast) 
  • Black Light Theatre da Wikipedia

16 commenti:

  1. Con questo post mi hai riportato tanti ricordi di Praga, una città affascinante e complicata. In effetti, lì si respira proprio l'aria del teatro e dell'arte in generale, ci sono tantissimi spettacoli da vedere e mostre di ogni genere. Immagino che si stato un viaggio memorabile anche per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono molto contenta di esserci stata! Purtroppo la possibilità di uscire la sera era limitata, perché il mio hotel era fuori dal centro... ma potrei ritornarci e assistere anche agli spettacoli, la prossima volta :)

      Elimina
    2. Hai fatto benissimo a non uscire di sera! Dopo il tramonto non tira una bella aria, credimi sulla parola.

      Elimina
    3. Dicono che la situazione sia migliorata, rispetto a qualche anno fa... Ma è meglio stare attenti lo stesso!

      Elimina
  2. Avevo visto tante presentazioni di Praga, ma mai una legata alla sua vita teatrale. Quando ci andrò (perché prima o poi voglio proprio andarci) terrò presente anche i teatri :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La chiave di lettura teatrale era obbligata, dato il tema del blog... A volte vorrei parlare anche di altre cose, ma preferisco che questo spazio rimanga centrato sul tema principale, senza divagare troppo, altrimenti credo che diventerebbe un "minestrone"!
      Spero che presto anche tu abbia l'occasione di andarci :)

      Elimina
  3. Praga mi evoca ricordi giovanili, andai in gita ai tempi delle superiori (non dico niente sul perché noi maschietti fossimo così contenti di andarci, ehm...). Mi stupì inoltre il fatto di trovarci tanti italiani. In quel periodo ero fissato con la politica (feci persino la tesina sul '68), e molte piazze ceche (San Venceslao in primis) sono intrise di storie drammatiche.
    Ho ricordo solo del teatro Estates (tra l'altro non avevo mai visto questa parola usata al plurale, solo al singolare con il significato di proprietà), che esternamente è quello che mi colpisce di più delle tue tre foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti interessa la storia più recente della Cecoslovacchia, il Museo del Comunismo è molto interessante. Ovviamente ho visitato molto altri posti, ma ho riportato solo quelli di interesse teatrale per coerenza con il tema del blog.

      P.S. Le foto non sono mie, a parte la prima. Le altre tre sono prese da Wikipedia (come indicato a fine post), perché le mie erano venute sfuocate o c'era troppa gente davanti, quindi le ho eliminate.

      Elimina
    2. Terrò presente nel caso in cui ci dovessi tornare. La storia mi appassiona tuttora, soprattutto quella europea. Anche perché credo che proprio le città europee siano le più belle e interessanti, sotto tutti i punti di vista.

      Elimina
    3. Non sono mai stata fuori dall'Europa, ma credo che anche qui abbiamo moltissimi posti meravigliosi da visitare.

      Elimina
  4. Bellissimi edifici, hai anche provato ad entrare?
    Spero che la vacanza sia andata bene e... perché non portare in Italia quel bel tipo di spettacolo? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sono entrata... Ti fanno entrare solo per gli spettacoli e io non avevo i soldini...
      Esiste anche in Italia qualcosa del genere, anche se non tutto giocato sulla luce nera. Lo spettacolo per cui ho fatto da aiuto regista la impiegava in alcune scene... e purtroppo ho scoperto che dopo un po' mi fa venire il mal di testa ;(

      Elimina
  5. Mia moglie ti prega di dirti che col tuo post le hai fatto venire voglia di tornare a Praga!
    E sinceramente ti devo ringraziare, visto che non essendoci mai stato IO a Praga sono anni che cerco di convincerla a fare un giro da quelle parti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, sono lieta di essere stata utile! :) Spero che abbiate l'occasione di andarci presto, perché è una bellissima città e ci sono anche molti elementi misteriosi/esoterici che ti potrebbero piacere. Non perderti l'antico cimitero ebraico e la sinagoga in cui (si dice) siano conservati i resti del Golem.

      Elimina
  6. Praga dev'essere una bellissima città, che ancora mi manca nel tour che vorrei aver fatto dell'ex impero Austro-ungarico! Il Teatro Nazionale credo di averlo visto da qualche parte, forse in un film. Forse mi è rimasto impresso perché è sull'acqua! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è molto bella e ti consiglio di visitarla!

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.