4 settembre 2015

Un monologo per Drama Queen - I finalisti

Il concorso che vi avevo proposto per il secondo compleanno del blog si è concluso il 31 agosto.
Per prima cosa, vi devo ringraziare tutti, perché avete partecipato in tanti. I monologhi in concorso erano quattordici (più uno che, purtroppo, non ho potuto ammettere perché superava di molto il limite consentito di caratteri).
Questo blog vive perché ci sono i lettori che commentano e danno suggerimenti, quindi la vostra partecipazione all'iniziativa mi ha fatto molto piacere. 


Se non siete scrittori o se quest'estate non avete avuto l'ispirazione giusta per partecipare, mi auguro che vorrete comunque guardare i video dei monologhi finalisti e dare il vostro voto a quello che preferite.

La scelta è stata molto difficile. Tre finalisti sono un gruppo molto ristretto e ci sono stati monologhi che sono stata triste di lasciar fuori da questo gruppo, perché erano scritto bene e trattavano temi interessanti... però una scelta, in qualche modo, andava fatta.
A coloro che non sono stati selezionati, auguro di riscattarsi molto presto in altre occasioni. Magari in concorsi molto più importanti di questo.

Ma passiamo finalmente all'annuncio dei tre finalisti:

NEL DOPO RIGUARDO AL PRIMA di Iara R. M.
Oggi ho immaginato di non esserci più.
E da viva, con preoccupazioni da viva, mi sono chiesta che fine avrebbero fatto le mie cose: i vestiti, i trucchi, il mio profumo preferito. Gli armadi di foto e di libri.
Spazzatura? Beneficenza? Poco importa.
Ma quei manoscritti, pieni di pensieri, di annotazioni, di sfoghi, mi mettono in crisi; Nel caso, mi sono chiesta cosa augurarmi: che venissero letti o buttati via senza neanche guardarli? Credo, la seconda.
La verità è che proverei un enorme disagio ad essere letta da qualcuno senza la mia volontà.
Faccio una grande fatica a lasciarmi guardare dentro e proverei molto più fastidio nel sorprendere qualcuno a leggere di nascosto i miei scritti, che non a spiarmi mentre mi spoglio. Li vedo già quegli occhi indiscreti frugare significati tra le parole, dare un senso ai miei versi, osare sapienti significati per quegli inutili disegnini ai margini dei fogli! Insostenibile fantasia!
Le cose che scrivo sono intime, private, appartengono all'invisibile mondo a cui nessuno può accedere se io non decido di mostrarglielo.
Il corpo si vede, è tutto lì e in una qualche misura si esibisce sempre.
Non c’è segreto, né mistero. Esteticamente sei quello che sei.
Sotto la pelle, invece, solo tu sai cosa sei e puoi essere qualsiasi cosa senza che nessuno lo sappia mai o possa solo concepirlo.
Io preservo quello che mi vive dentro.
Questo da viva. Con preoccupazioni da viva.
Ma da morta?
Beh, credo che niente di tutto questo avrebbe più molta importanza.

Motivazione: La riflessione fatta in questo monologo non è, credo, qualcosa a cui pensiamo spesso. Forse pensiamo a che cosa potremo lasciare ai nostri cari in termini di eredità morale, ma che fine farà la parte di noi che è sempre rimasta nascosta? Un quesito interessante.

IL VIAGGIO PER LA FELICITA’ di Michele Scarparo
Adesso ci sono gli aerei, che sfrecciano sulla pista davanti a me.
Per arrivarci mi ci era voluta tutta la vita. Tutta la vita fino a quel momento, voglio dire. Avevo racimolato spicci su spicci: "Per la felicità", c'era scritto. Ogni volta che ho potuto risparmiare un cent da una mancia; ogni volta che ho trovato un euro per terra; ogni volta che ho potuto mangiare un pezzo di pane invece di un piatto caldo. Ogni volta, ho preso i miei soldi e li ho infilati in quel vaso.
Certi inverni, quando un crampo di fame mi prendeva lo stomaco, avevo avuto la tentazione. Oh, sì, l'avevo avuta eccome. [Sorride] L'avevo preso in mano, mentre guardavo la finestra distorta e opaca al di là del suo vetro sporco. Sarebbe bastato che scivolasse... Le dita che allentano appena la presa... pluff! Rumore di vetri infranti. Monetine e qualche rada banconota che rotolano e corrono a nascondersi nelle pieghe buie della casa.
Invece stava lì, attaccato alla mano, e attraverso la sua trasparenza c'era una realtà lurida. Forse per colpa del vetro; oppure era proprio così, senza scampo. Ecco perché devo partire.
Aerei che vanno e vengono da posti bellissimi. Anche io sto per arrivarci, in uno di questi paradisi. C'è solo un problema: che sarò sempre io, là. Con le mie magagne e le mie angosce. E il paradiso per me sarà un inferno. Al solito.
Salirò su quell'aereo comunque. Per sfida con me stessa e con il destino. Peccato solo che gli aerei non cadano mai, quando serve.

Motivazione: Il monologo racconta una storia di determinazione e di sogni. Trasmette un messaggio positivo, anche se il finale è dolceamaro. Spero, comunque, che l'aereo della protagonista non cada, anche se lei al momento è sfiduciata.

I TRE TIZI DELLA BARZELLETTA di Romina Tamerici
[Tono concitato] Aspetta. Aspetta un secondo. Ti racconto una barzelletta!
Allora, c'erano un russo, un americano e un… un… mi pare fosse un francese. Sì, era un francese.
Allora, dicevamo, c'erano un russo, un americano e un francese. No, aspetta, era un portoghese. Sì, decisamente.
Quindi, c'erano un russo, un americano e un portoghese. Ah, no, ecco cosa non mi tornava! Il portoghese c'era, ma non l'americano! Era uno svizzero!
Aspetta, mi sono un po' persa… sì, c'erano un russo, uno svizzero e un portoghese…
Non fare quella faccia! Mi sono solo confusa un attimo.
Dunque, dov'ero rimasta? Ecco, ora ho perso il filo. Uff. Mi toccherà ricominciare da capo.
C'erano un russo, uno svizzero e un portoghese e…
No, niente, non mi ricordo proprio come va avanti. E poi, sai una cosa? Forse non era così importante la loro provenienza ora che ci penso.

Motivazione: La commedia è la grande assente di questa edizione del concorso, quindi ho pensato di includere anche questo monologo che ha un tono più leggero e divertente.
Fino ad un certo punto, perché la "barzelletta" si conclude ricordandoci che, oltre ai luoghi comuni sulla nazionalità, siamo tutti uguali. Concetto che, purtroppo, si adatta bene ai problemi d'attualità...


Invito gli autori finalisti (e anche gli altri partecipanti) a palesarsi!
Vi auguro anche buona fortuna per la fase finale del concorso. I video arriveranno il prima possibile, anche se, come sapete, ho bisogno di un po' di tempo per imparare i monologhi ed interpretarli al meglio.

- dramaqueen


P.S. Domani partirò finalmente per il mio viaggio di laurea!
Questo, però, significa necessariamente che la realizzazione dei video verrà spostata un po' in avanti. Inoltre, non so se avrò un wi-fi funzionante in hotel, quindi  per tutta la prossima settimana potrei avere difficoltà a rispondere ai commenti. Ma non preoccupatevi... continuerò a pensarvi e tornerò presto.


Immagine realizzata con picfont.com
Foto originale da Pixabay (licenza Creative Commons donazione al pubblico dominio)

30 commenti:

  1. "I tre tizi della barzelletta" è mio! Incredibile! Sono sul podio anche quest'anno!
    Lieta che tu abbia colto, dietro l'ironia, la "frecciatina" sociale.

    Era mio anche "Lasciami essere felice", che non è tra i selezionati.

    Complimenti agli altri due selezionati e a tutti gli altri: c'erano pezzi davvero molto belli e mi sa che questa volta mi ha "salvata" solo la scelta di andare controcorrente e scrivere un pezzo più ironico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Buon viaggio, Elisa, te lo sei super meritata!

      Elimina
    2. Non avrei mai detto che era tuo, questa volta sei stata proprio insospettabile!
      Anche l'altro monologo era molto bello, ma ho contato anche l'originalità, per cercare di proporre tre video diversi tra loro. Quindi sì, ti ha salvato anche quello... ma non è un pregio da poco ;)

      Grazie... mi imparerò i vostri monologhi sull'aereo! XD

      Elimina
    3. Be', l'altro era "assolutamente da me". Questo è stato un tentativo di essere "insospettabile"! Ahah!

      Elimina
  2. Innanzi tutto, bravissimi ai finalisti! Due li avevo adocchiati anch'io!
    Poi, buon viaggio! ;) Non ti preoccupare di niente e goditelo: te lo sei meritato, finalmente.

    Per concludere, io avevo partecipato con "Stella Cadente". :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il tuo era scritto molto bene, mi piaceva il tema dei sogni... Devo ammettere che sono stata molto indecisa... Ma vedrai che avrai più successo con i prossimi concorsi :)

      Grazie, cercherò di godermi il viaggio e di lasciare a casa i pensieri!

      Elimina
  3. Congratulazioni ai finalisti.
    Io ho partecipato con Foglie d'autunno e Una compagna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver partecipato con ben due monologhi, ti auguro buona fortuna per i prossimi concorsi!

      Elimina
  4. Wow! Anche quest'anno ho una nomination :)
    Il viaggio per la felicità è mio, scritto appena prima di salire su di un aereo e partire per le (meritate) ferie.
    Complimenti a tutti, finalisti e no: il livello era davvero alto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, te la sei meritata! Hai ragione, il livello era alto e scegliere è stato molto difficile.
      Dato che anch'io sto per salire su un aereo, spero che mi dia l'ispirazione giusta per interpretare al meglio il tuo monologo :)

      Elimina
  5. Io non ho partecipato perché mi mancavano proprio gli spunti validi. Rischiavo di scrivere stupidaggini.
    Riguardo i monologhi che hai scelto, sono tutti e tre molti belli ognuno nel suo stile, però ho una preferenza per "Nel dopo riguardo al prima".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo pensato di dare un tema per facilitare la vostra imitazione, ma temevo di limitarvi troppo. L'anno prossimi magari ci penserò.

      Elimina
  6. Per prima cosa anch'io faccio le doverose congratulazioni ai tre finalisti.
    Aggiungo anche che era la prima volta che postavo sul tuo blog e dunque piacere di conoscerti.
    Non so se anche i non-blogger erano ammessi al concorso, però mi sono arrischiato:)

    Ah, ho partecipato con solo un racconto, quello senza titolo ambientato in un cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto nel mio blog!
      Certo, erano ammessi anche i non blogger e tutti coloro che avevano voglia di scrivere. Ti ringrazio per aver partecipato ;)

      Elimina
  7. Io sono l'autrice del monologo: "Nel dopo riguardo al prima".
    Davvero non mi aspettavo di essere in finale, dato il livello dei partecipanti, ma sono
    felice che la condivisione di una mia personale emozione mi abbia portato questo risultato.

    Grazie ^_^ e Complimenti a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel mio blog... con un ingresso trionfale, direi! :)
      Il tuo monologo mi è piaciuto molto. Spero di riuscire ad interpretarlo bene e di mantenere l'idea che avevi della tua emozione!

      Elimina
  8. Davvero congratulazioni ai tre finalisti :D Io ho partecipato con "L'ultima notte d'autunno".E' stato davvero un piacere spremermi meningi e trovare l'ispirazione per il racconto. Ma sono felice di aver partecipato. In bocca al lupo ai finalisti e buona fortuna ai non finalisti che sicuramente si riscatteranno in altre occasioni. Un bacio a tutti :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo mai letto niente di tuo prima d'ora, ma direi che te la sei cavata bene! Purtroppo non potevo far vincere tutti, ma anche il tuo monologo era ben scritto. Buona fortuna per i tuoi prossimi scritti!

      Elimina
    2. Grazie mille cara!! Spero che presto tu possa leggere qualcosa di mio :)

      Elimina
    3. Se lo pubblicherai, io lo leggerò di certo!

      Elimina
  9. I miei erano Esposta e... mannaggia, niente dichiarazione d'amore per Gionsnò... Tu non sai niente. Ammetto di non aver dato il massimo, ma ci tenevo a esserci ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi chiedevo appunto chi fosse il nerd! Grazie comunque per la partecipazione :)
      Niente dichiarazione per Gionsnò, questa volta... Il personaggio della serie non mi è mai stato troppo simpatico (colpa dell'attore insipido) e nel libro lo apprezzo abbastanza, ma non è tra i miei preferiti. E poi... io sono bionda! Avrei dovuto tingermi di rosso per l'occasione? XD

      Elimina
    2. Considererò l'idea del cosplay ;)

      Elimina
  10. Complimenti a tutti e tre i finalisti! Mi sono piaciuti molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che ti piaceranno anche i video che realizzerò. Farò del mio meglio :)

      Elimina
  11. Io non ho partecipato più che altro per.mancanza di tempo...un pensierino ce l'avevo fatto! ^_^
    Davvero complimenti ai finalisti, e in particolare a Romina Tamerici...davvero brillante e divertente! Teatralmente poi il linguaggio è davvero buono, molto "recitabile"! Se dovessi scegliere io reciterei quello :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di recitarlo bene! Per la partecipazione, magari ci penserai il prossimo anno... :)

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.