20 novembre 2015

Risparmio energetico? No, grazie: devi dare il massimo!

Premetto subito che il titolo non si riferisce allo spreco delle risorse ambientali. Sono una persona ecologista e sensibile a queste problematiche, quindi non posso non dirvi che il risparmio energetico in questo settore è sacrosanto.
No, mi stavo riferendo alle energie che mettete nello svolgere un determinato compito. Nello specifico, se volete diventare attori (ma anche artisti in generale) a quanto vi impegnate per studiare, esercitarvi e migliorare.


Non siamo più a scuola, quando la filosofia vigente era "massimo risultato con il minimo sforzo" e bastava studiare per arrivare al 6. Ora si fa sul serio, perché non si tratta di essere promossi, ma di diventare bravi veramente e vi garantisco che, con tutta la concorrenza che incontrerete, essere bravi sarà indispensabile per essere scelti.
Non si tratta più di fare una figura accettabile davanti ai vostri compagni di scuola al saggio di fine anno: se volete diventare professionisti, dovete essere al livello dei professionisti.

Mi conoscete, sono sempre stata una che ripete: bisogna studiare, bisogna impegnarsi tanto, bla bla bla... E ci credo veramente, ma quando si passa dalle parole ai fatti diventa tutta un'altra storia!
Parlare della fatica è molto più facile che fare effettivamente fatica. Quindi ecco che anche io mi faccio prendere dalla stanchezza e rimando i compiti da svolgere. Oppure mi accontento di un risultato mediocre, quando so che potrei riuscire a fare meglio se mi esercitassi di più (cosa che ovviamente richiede più energie e più tempo).

Senza contare i fallimenti, che tutti sappiamo di dover affrontare, ma quando arrivano veramente è tutt'altra storia. Dover ripetere mille volte un elemento che non riesce come dovrebbe diventa abbastanza frustrante... e, non so voi, io mi demoralizzo non poco, in questi casi.
Ma sto ancora cercando un metodo efficace per non abbattermi davanti al fallimento, quindi per oggi non vi parlerò di questo. Cercherò invece di darvi qualche consiglio su come dare il massimo e sfruttare al massimo le vostre energie. Tenendo presente che, oltre tutti i consigli, la fatica ce la dovrete mettere voi...


Tenere a mente l'obiettivo

Se state studiando e vi state impegnando tanto, penso proprio che vogliate arrivare ad un obiettivo a cui tenete molto. Anche se, in generale, quando ve lo chiederanno penserete di essere determinatissimi, la pigrizia e la stanchezza arriveranno ad affievolire la motivazione.
Per questo motivo, è bene ricordarsi sempre perché stiamo facendo quello che stiamo facendo, anche se costa fatica. Visualizzare il vostro obiettivo, di solito, funziona bene. Immaginare come sarebbe riuscire a fare quello a cui aspiriamo può darci una bella dose di speranza.
Però è vero anche che possiamo visualizzare solo quando ce ne ricordiamo, quindi come possiamo riportare alla mente il nostro obiettivo quando ce ne dimentichiamo? Potete tenere  a portata di sguardo un oggetto o un'immagine che ve lo ricordi. Un po' come facevate con i poster del cantante preferito quand'eravate alle medie. Pensate che sia una cosa ridicola, da ragazzini, da film americano? Forse sì, però a me non sta facendo male.


Concentrarsi

Nel momento in cui si studia o si prova bisognerebbe evitare il più possibile le distrazioni.
Niente TV, niente cellulare, niente computer... Va bene, non è sempre possibile fare a meno del computer, ma almeno cercate di non tenere aperte delle pagine particolarmente fuorvianti, come Facebook o YouTube. Queste diavolerie moderne sono bravissime ad attirare l'attenzione su di sé e far perdere alla gente pomeriggi interi.
Se volete che i vostri sforzi diano dei frutti concreti, dovete concentrarvi su quello che state facendo al momento. Se cercate di fare due cose contemporaneamente, perderete un sacco di tempo che avrebbe potuto essere impiegato in modi più efficaci... e probabilmente nessuna delle due cose vi riuscirà bene.


Stabilire dei tempi da rispettare

Il mondo è pieno di persone che non riescono ad applicarsi veramente ad un compito se non a ridosso della scadenza. Se fate parte della razza dei procrastinatori, allora dovete stabilire delle scadenze da rispettare, oppure non riuscirete a portare a termine mai nulla. Funzionerà ancora meglio se avete uno o più amici a cui mostrare i vostri progetti finiti e comunicate anche a loro questa scadenza, così sarete costretti a rispettarla.
Se siete sempre impegnati e non trovate mai il tempo di dedicarvi al vostro progetto, stabilite un tempo nel corso della vostra routine settimanale da dedicare al vostro studio o lavoro artistico.
Non serve per forza che sia tutti i giorni. Sarebbe meglio che lo fosse, ma se realisticamente sapete che non potete farcela è meglio scegliere due o tre giorni alla settimana in cui rispettare l'impegno con costanza.


Riposarsi ogni tanto

Guardiamo la realtà: non siamo macchine e non possiamo lavorare in continuazione senza riposarci mai.
Per quanto sia forte il desiderio di migliorarsi e progredire, intestardirsi su qualcosa che non viene come vorremmo non sempre porta ai migliori risultati. A volte è più utile staccare la mente e non pensarci per un po', ritornando a provare quando saremo più freschi.
Siate severi con voi stessi quando si tratta di concentrarsi e rispettare le scadenze, ma prevedete anche dei momenti per riposarvi e distrarvi. Se accumulate troppo stress, non potrete essere al massimo delle vostre possibilità, quindi non sentitevi in colpa a rilassarvi ogni tanto.


E ora vedremo se sono brava solo a dare i consigli o anche a rispettarli... Se nei prossimi tempi riuscirò a far uscire dei video decenti, saprete che qualcosa di ciò che è scritto in questo post ha funzionato anche per me.
Io prometto di provarci, e voi? Darete anche voi il 100% per i vostri progetti?

- dramaqueen



Immagine da Pixabay

14 commenti:

  1. Mi piacerebbe, ma già reputo un successo potere dedicare ai miei progetti il 50% delle potenzialità che potrei sfruttare: devo distribuire il carico fra il piacere personale, che mi vorrebbe seduta quasi a tutte le ore davanti al pc per scrivere, e tutto il resto, che vuol dire casa e figli. E poi marito, visite mediche, pagamenti di bollettini, quotidianità, insomma, che per la gran parte grava solo su di me! Ma sono felice anche con il poco che vorrei trasformare in molto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti hanno i loro impegni e nessuno può permettersi di dedicare il 100% del tempo e delle energie alle attività artistiche, intendevo sopratutto che è importante ritagliarsi degli spazi (e non cedere sempre alla tentazione di rimandare perché si è stanchi) e concentrarsi appieno in quei ritagli di tempo (invece di perdersi a guardare internet o il cellulare).
      Io non ho scuse, perché ho la fortuna (insomma, non è una fortuna, ma in questo caso consideriamola così) di essere momentaneamente disoccupata e single. Quindi potrei riuscire a fare molte più cose di quelle che effettivamente faccio... Insomma, più che altro stavo rimproverando me stessa ;)

      Elimina
    2. Io, che credo di avere le stesse problematiche di Marina, ho provato con quello che suggerisci: da oltre un anno ho il mio appuntamento settimanale fisso per la scrittura (fuori casa), e in questo modo sono riuscito a ritagliarmi un angolino di spazio che altrimenti non avrei mai sfruttato. Poco, è vero, ma è qualcosa più di niente ;-)

      Elimina
    3. Benvenuto nel mio blog! Non ricordo se eri già passato di qui, ma comunque un "benvenuto" in più non guasta ;)
      Penso che quelle che descrivi siano delle problematiche di tutti. Chi ha il lavoro, chi lo studio, lo sport, la famiglia, la cura della casa... Però un pezzettino di tempo si può riuscire a ritagliare, come confermi anche tu.

      Elimina
    4. Brazie del benvenuto, dev'essere la prima volta che commento qui, però ci siamo quasi certamente già letti su altri blog.
      Il ritaglio di tempo è importantissimo, è diverso da dire "lo faccio quando posso"... perché alla fine non si può mai!

      Elimina
    5. Ci siamo sicuramente già incontrati in giro per la blogosfera, è per questo che avevo il dubbio :)
      Frasi come "Lo faccio quando posso" e "Lo farò prima o poi" rientrano a pieno titolo nella procrastinazione. Purtroppo, abbiamo bisogno di programmare e di imporci delle scadenze, per fare effettivamente le cose che ci proponiamo di fare.

      Elimina
  2. Per me è sacrosanto ritagliare spazi per i miei interessi e le mie varie attività: l'ho messo come condizione prima di sposarmi! Ovviamente anche la controparte ha diritto a fare altrettanto, poi è più bello perché si condividono a posteriori esperienze anche diverse e ci si arricchisce molto. Devo dire che, in questo, sono molto fortunata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono una grande esperta di relazioni amorose, ma credo che sia importante che, in una coppia, i due continuino a coltivare i propri interessi personali. In fondo, si resta sempre due persone diverse e non ci si può fondere in un'entità sola.

      Elimina
    2. Il problema nasce quando la coppia diventa tris/poker/apocalisse :D

      Elimina
    3. Questo richiederebbe una trattazione molto più complessa del problema e io non sono per nulla competente :D

      Elimina
  3. A volte sembra tutto troppo difficile o perfino inutile.
    Faticoso.
    Snervante.
    Frustrante.
    Ogni tanto ho bisogno di leggere un post così per rimettermi in carreggiata. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivo questi post perché ho bisogno di incoraggiarmi da sola!
      Purtroppo non so ancora per quanto tempo tutti questi sforzi mi sembreranno inutili, ma ho bisogno di credere che un giorno porteranno a dei risultati, e lo faranno anche i tuoi.

      Elimina
  4. Non è facile essere motivati in un periodo di stress, preoccupazioni, ansie. La cosa peggiore, per esperienza personale, è non trovare del tempo per prendersi cura di se stessi e rigenerarsi, fare le cose che si amano e rilassarsi. Si lavora molto meglio se si è felici e in un buon modo piuttosto che stanchi. Post veritiero, non posso che darti più che ragione.
    Ma anche tu Eli ricordati di non mollare mai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me bisogna trovare il giusto equilibrio: riposarsi quando è il momento e farsi forza per "costringersi" a studiare ed esercitarsi quando invece saremmo portati all'inerzia.
      Sto cercando di non mollare e in questo periodo sto lavorando ad un sacco di cose. Spero che i risultati si vedranno, grazie per l'incoraggiamento!

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.