1 gennaio 2016

6 citazioni motivazionali per iniziare bene il nuovo anno

E' scattato il nuovo numerino in fondo al 2000, non siete contenti? Dopo l'entusiasmo iniziale, probabilmente inizierete a pensare che la vita ora non è poi tanto diversa da quella del 2015. 
Come posso darvi torto? Non è la data che fa il cambiamento, questo lo sappiamo tutti: il cambiamento deve venire da dentro di noi. Però l'inizio dell'anno nuovo porta un'illusione di speranza, ottimismo ed energia, quindi perché non sfruttarla per motivarci un po'?


Per questo, ho raccolto sette citazioni proveniente da attori, drammaturghi o registi (per mantenermi sul tema del blog) che però possono essere applicate anche da chi non ha niente a che fare con la recitazione.
Spero che possano servirvi a partire con la spinta giusta.

"Sii te stesso. Il mondo adora l'originale." 
- Ingrid Bergman
Ormai gli spot pubblicitari di qualsiasi cosa ci dicono di essere noi stessi... comprando il loro prodotto. No, non è questo il senso. Dovremmo riscoprire che cosa vuol dire "essere noi stessi", sforzandoci di non ascoltare tutti i milioni di condizionamenti che ci arrivano dall'esterno.
Quest'anno proviamo ad ascoltare i nostri desideri più profondi e a fare un passo verso quello che vorremo veramente essere, senza preoccuparci di accontentare qualcuno.


"Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio."
- Samuel Beckett
Esistono tante citazioni sul valore del fallimento. Ho deciso di inserirne almeno una perché è importante ricordarsi che tutti falliscono, prima di arrivare al successo. Ma proprio tutti, anche uno che ha scritto opere del calibro di "Aspettando Godot".


"A volte puoi avere il ruolo più piccolo in una piccola produzione e avere ugualmente un grande impatto." 
- Neil Patrick Harris
Questa è una variante del celebre "non esistono piccoli personaggi, ma solo piccoli attori", concetto che io trovo profondamente vero, ma può essere applicata anche agli altri contesti della vita.
A volte pensiamo che di non stare facendo abbastanza.  Se siamo artisti, magari pensiamo che nessuno abbia prestato attenzione alla nostra opera... invece quel che abbiamo creato potrebbe aver tirato su di morale una sola persona in un momento in cui ne aveva bisogno, il che è già tanto.


"Non puoi imparare a recitare se non vieni criticato. Se metterai quelle critiche in relazione con le tue insicurezze infantili, starai malissimo. Invece, devi prendere obiettivamente le critiche, pensando che si riferiscono solo a quel particolare lavoro che hai fatto."
- Sanford Meisner
L'annosa questione delle critiche: non solo non si può riceverne, ma sarebbe dannoso non riceverne, perché ci permettono di corregerci e migliorare. Il problema è il modo in cui accettiamo queste critiche, infatti Meisner sottolinea che non dobbiamo prenderle come riferite a tutta la nostra persona, ma solo a quella determinata azione che è stata criticata.
Ricevere una critica non significa: "Sei incapace, sei stupido, vedi che non riesci a farlo bene?". Significa che quella particolare azione deve essere svolta in un altro modo, tutto qui.


"Voglio essere un grande attore, un giorno, e ho deciso che filosofeggiare è inutile: l'unico modo è mettere in pratica l'arte."
- Al Pacino
A volte ci perdiamo in grandi discorsi su quello che vorremmo essere, senza metterci effettivamente al lavoro per diventarlo. La teoria serve, ma solo se è accompagnata dalla pratica, altrimenti non ci porta da nessuna parte.
[Immagino che Al Pacino dicesse questa frase da giovane, dato che poi è diventato un grande attore.]


"Il motivo per cui soffriamo di insicurezza è che paragoniamo il nostro "dietro le quinte" alle scene migliori delle altre persone." 
- Steve Furtick
Quante volte invidiamo le altre persone, o semplicemente le ammiriamo, pensando che vorremmo essere come loro? La verità è che non pensiamo veramente a che cosa c'è dietro la loro apparenza: ad esempio, chi ci sembra bravissimo ha sicuramente alle spalle anni di studio, di prove, di difficoltà e anche di fallimenti che l'hanno portato ad arrivare dov'è ora. 
Anche chi ora è un artista famoso, probabilmente è stato giovane, inesperto e pieno di insicurezze come noi. Anzi, dato che tutti siamo umani, probabilmente qualche insicurezza ce l'ha ancora.

Con questo, vi auguro un 2016 pieno di belle novità. Ma ricordate: alcune cose belle arrivano senza che noi le avessimo chieste, e non possiamo fare altro che ringraziare, ma altre dobbiamo andarcele a prendere da soli.

- dramaqueen


Immagine di Drewski Mac (Flickr)
Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo

10 commenti:

  1. Buon anno, Elisa! E che sia pieno di buoni risultati. La motivazione di certo c'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi più che la motivazione c'è il sonno... Speriamo che per il resto dell'anno la motivazione compaia e resti. Tanti auguri anche a te!

      Elimina
  2. "Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio." Che bel pensiero! Tanti auguri a te, Elisa, per tutto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo di riuscire a fallire sempre meglio come ha fatto Beckett! Tanti auguri anche a te :)

      Elimina
  3. Beckett mi si addice.
    Auguri di buone motivazioni per tutto il 2016 ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buone motivazioni anche a te! Buone e persistenti! :)

      Elimina
  4. Quella di Beckett sembra il mio 2015 in breve... Buon anno Eli!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' comunque un traguardo, io fallisco sempre nello stesso modo ;)
      Buon anno anche a te!!!

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.