22 gennaio 2016

Video esercizio: La "canzoncina" di Vittorio Gassman

Sono diventata una vlogger! Sì, insomma, più o meno.
Meglio che vi spieghi la faccenda dall'inizio: era un po' di tempo che pensavo che sarebbe stato interessante mostrarvi alcuni degli esercizi di cui vi parlo attraverso i video, ma avevo sempre rimandato il fatidico momento. La spinta è arrivata da un commento su un vecchio post che parlava della "Canzoncina" di Vittorio Gassman, un esercizio sul volume e sul timbro della voce.


Caterpillar su questo post ha commentato:
"Ciao, sto seguendo un corso di doppiaggio e tra i vari esercizi c'è il recitare questa canzoncina. Avere dei filmati di altre persone da guardare sarebbe il massimo per poter prendere spunto da gente esperta, non è che ti andrebbe di metterne uno su Youtube mentre reciti questo testo? Grazie"

Io non credo di essere la persona migliore da prendere come esempio, perché non sono un'insegnante e un corso di doppiaggio vorrei davvero frequentarlo, ma non ci sono ancora riuscita. Nonostante ciò, ho provato a rispondere alla sua richiesta.
Magari questo mio video potrà essere utile anche a qualcun altro, anzi, lo spero.

Vi devo solo avvisare che filmare un esercizio non è esattamente come mostrarlo dal vivo. In particolare, il volume della voce non può essere lo stesso, perché per farsi registrare bisogna tenere un livello minimo di volume. In parole povere, non ho usato la voce bassissima come sarebbe stato richiesto in alcuni punti, perché avevo paura di non essere registrata dal microfono.
Un problema simile, però, esiste anche in teatro, perché i sussurri devono essere uditi anche dallo spettatore più lontano, quindi non possono essere dei veri e propri sussurri.Spero perciò che possiate capire questa convenzione. Ho cercato comunque di far sentire la differenza tra i vari volumi richiesti dalle frasi, spero di esserci riuscita.

Ma il problema di questo video non tanto è l'esercizio, perché avete già visto la mia faccia e avete già assistito alla recitazione dei monologhi per i concorsi di compleanno. Il problema è che mi è saltato in testa di filmare appunto un piccolo vlog in cui vi parlo e introduco il video, ma non sono per niente abituata a parlare davanti alla telecamera e mi sono sentita molto idiota a parlare invece che a scrivere.
Inoltre, purtroppo ho scoperto che non riesco a parlare in dizione corretta quando devo inventarmi il discorso al momento, quindi il mio accento veneto si sente molto più del dovuto. E' un problema su cui cercherò di lavorare in futuro.

Bene, ora credo di avervi messo sufficientemente in guardia, potete guardare il video:


Non so se l'esperimento avrà un seguito... per questo dovrò decidere se avrò o no il coraggio di farlo di nuovo! Però andando avanti le mie capacità di vlogger potrebbero migliorare, quindi la prospettiva non è da escludere a priori. Voi che cosa ne dite?

- dramaqueen


6 commenti:

  1. Mi piace l' idea del vlog e mi sembra adatta al tuo genere, altro che moda :) potrebbe anche essere un esercizio! Bella la "Canzoncina", devo averla letta alle elementari proprio per imparare le differenze.
    Secondo me (ma parlo per esperienza e a livello personale) non avresti bisogno di un corso di doppiaggio. Ci sono dei centri dove puoi fare dei colloqui e iniziare a doppiare direttamente (ovviamente ci sono delle cose da ricordare, tecnicismi diciamo, come fare una pausa di qualche secondo se sbagli a leggere la battuta e ripeterla, ecc.). Ma io ti parlo di Torino, dalle tue parti non so come sia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ho già l'idea per un altro esercizio, ma mi servirà del tempo per metterla in pratica. Vedremo se riuscirò :) Sono contenta che l'idea del vlog ti sia piaciuta!

      Dalle mie parti il doppiaggio praticamente non esiste, motivo per cui da anni vorrei trasferirmi a Milano anche se non sono ancora riuscita (spero di riuscirci entro la fine dell'anno). I corsi di cui ho sentito parlare sono molto pratici, quindi dovrebbero simulare abbastanza bene quello che accade in una sala di doppiaggio. Anche frequentare le sale di doppiaggio vere per osservare i professionisti e chiedere al direttore di provare serve molto, ma io non mi sento mai sicura delle mie capacità, quindi un corso lo farei! Ma è ancora tutto da organizzare, quindi chissà... ;)

      Elimina
    2. Uh allora pazienterò ^_^
      Lo immaginavo, purtroppo alcune città non offrono così tante possibilità... Milano mi sembra un'ottima scelta, sia per teatro che televisione e radio, ma ricorda: nel tuo campo devi tirar fuori le unghie e farti strada! Non avere paura di sbagliare! ;)

      Elimina
    3. Lo so, devo farmi valere... Ci sto lavorando! Grazie per l'incoraggiamento :)

      Elimina
  2. Avevo già commentato su YouTube, però ci tengo a farti anche qui i complimenti per il primo Vlog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Primo e ultimo? :) No dai, probabilmente ne farò almeno un secondo. Grazie per i complimenti!

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.