9 febbraio 2016

Per quello a cui può servire un piccolo blog...

Sicuramente non sono famosa, però a volte questo blog mi porta ad entrare in contatto con persone che altrimenti non credo avrei mai conosciuto. Si tratta soprattutto di altri blogger, ma anche di lettori che mi scrivono per email o tramite la pagina Facebook.


Così vengo a conoscenza delle storie delle persone: mi ha scritto una ragazza ai primi anni del liceo, che vuole fare l'attrice e mi ha ricordato tantissimo com'ero io alla sua età, ma anche una nonna che fa parte di una compagnia teatrale amatoriale e voleva un consiglio sul suo monologo.
Ultimamente mi hanno scritto anche alcuni che volevano dei chiarimenti su come compilare il proprio curriculum artistico e ho cercato aiutarli meglio che potevo, come faccio con tutte le domande che mi fate anche qui sul blog.

Proprio la settimana scorsa, una ragazza mi ha chiesto se a ventiquattro anni è troppo tardi per iniziare una carriera da attrice/doppiatrice.
Le ho risposto, sinceramente, che spero che non sia troppo tardi (dato che anch'io ne ho quasi ventiquattro), che è sicuramente una strada faticosa, ma secondo me ci si può riuscire. Ho cercato di incoraggiarla con le parole che spesso ho bisogno di sentire io, ovviamente senza dare false speranze... però credo che i sogni abbiano il diritto ad un incoraggiamento, soprattutto quando il sognatore sente che quella è la strada che il suo cuore chiede di seguire.

Credo che le mie parole abbiano avuto un effetto positivo su questa ragazza e spero che il suo sogno trovi la via per realizzarsi. Questo è il bel messaggio con cui mi ha salutato (e con cui anche lei ha contribuito a tirarmi su di morale):


Spesso mi domando a che cosa serva questo blog. Come dicevo prima, non sono famosa e non sono neanche così straordinariamente brava. Non ci sono migliaia di persone che mi seguono, quindi non posso dire di avere questo grande impatto sulla gente. Il blog non mi fa neanche guadagnare, quindi non posso nemmeno considerarlo un lavoro.
Però ogni tanto ci sono queste persone che mi scrivono e che mi fanno pensare che forse faccio qualcosa di utile. In fondo, non ne faccio una questione di numeri: se anche un mio post potrà lasciare un'idea su cui riflettere ad un lettore, il blog sarà stato utile. Se qualche altro aspirante attore si sentirà motivato a seguire le mia storia, sarò stata utile a qualcuno. Se un mio video potrà far sorridere una persona in un momento buio, o potrà anche solo tenergli compagnia quando ne aveva bisogno, allora non avrò lavorato per niente.

Scusate per questo momento di filosofia e pessimismo, ma sentire che con i lavori artistici non sto andando da nessuna parte mi deprime un po'. Molto probabilmente, se il lavoro iniziasse ad ingranare, o almeno a prendere una direzione definita, non mi farei tutti questi problemi.
Però al momento non è così, quindi ho bisogno di ripetermi che l'impegno che metto nei miei video e in questo blog ha un qualche scopo, per quanto piccolo. Sicuramente non diventerò mai famosa, ma potrei migliorare un pochino la vita di qualche persona che passa per di qui.

E voi, avete mai dubbi del genere?
Scrivete solo per voi stessi o vi domandate che beneficio potrà portare la vostra storia a chi la legge?

- dramaqueen



Immagine da Pexels.com
Licenza Creative Commons donazione al pubblico dominio

16 commenti:

  1. Anche a me sono capitate varie volte momenti di questo tipo per quanto riguarda il blog, a chiedermi quale sia la sua utilità. Poi come è successo a te, capita che alcuni mi contattino per chiedere consiglio. Diversi poi mi hanno chiesto se potevo utilizzare qualcosa del mio blog per la loro tesi. Alcuni mi hanno chiesto delucidazioni sulla tesi che ho fatto io perché interessati allo stesso tema. E poi alcuni commenti... Insomma, alla fine penso che il mio blog nel suo piccolo non sia poi così male e immagino la stessa cosa valga anche per te.
    Di sicuro mi chiedo sempre se i miei post sono di beneficio a qualcuno e a volte mi è capitato di cancellarne qualcuno perché non pensavo che fosse stato all'altezza.
    Per i dubbi, ecco due post miei. Te li linko così se desideri leggerli.
    http://almacattleya.blogspot.it/2015/10/io-e-il-mio-blog.html
    http://almacattleya.blogspot.it/2015/12/tenere-un-blog.html

    Anche perché dubito che un blogger non abbia mai avuto sconforti, almeno uno.

    Un bacio e immagino che per qualcuno il tuo blog sia importante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente tutti i blogger hanno momenti di sconforto, l'importante è poi tirarsi su di morale e continuare bloggare con tanta buona volontà :)

      Elimina
  2. Elisa, è da tanto che ti leggo, anche se commento solo ora, sei una ragazza in gamba, davvero..! L'amore e l'impegno con i quali ti dedichi al blog e alle tue passioni traspaiono da ogni post. Chi condivide con te la passione per il teatro ti sente davvero vicina. So che arrivano anche i momenti di sconforto, ma non lasciare che abbiano la meglio. Continua così, sono certa che i tuoi sforzi saranno ripagati, hai le capacità per farcela..! Un sincero abbraccio Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, so che ci sono persone che leggono e apprezzano i post, anche se non commentano. Non è necessario, anche perché a volte non si saprebbe nemmeno cosa dire, però un commento fa sempre piacere, quindi ti ringrazio di avermi lasciato questo messaggio. Grazie mille anche per l'incoraggiamento, a volte ne ho bisogno :)

      Elimina
  3. Io ho iniziato per riempire il tempo: tutto quello che leggevo e studiavo, non trovando sbocco né nello studio (ultimato) né nel lavoro (che non arrivava), doveva essere espresso. Ho iniziato a bloggare per dare sfogo a riflessioni e pensieri, ma poi la passione ha preso il sopravvento e le soddisfazioni - piccole ma significative - hanno iniziato ad arrivare e, insieme ad esse, anche la speranza di contare qualcosa per chi passa dal mio sito, anche solo per due chiacchiere. Anch'io ho ricevo messaggi e email in cui mi vengono chiesti suggerimenti, e non troppo diversi da quelli di cui parli tu: più di una volta mi sono trovata ad incoraggiare aspiranti studenti di lettere intimoriti dagli scarsi sbocchi professionali degli studi umanistici. Quindi sì, quel che facciamo ha uno scopo: fa star bene noi, ci fa incontrare tante persone curiose e talentuose e ci gratifica anche per questa sensazione di poter dare un conforto a chi condivide con noi interessi e timori. E questo nessuno se lo aspetta quando inizia a battere i caratteri del primo post! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua storia è interessante... pensa che anch'io ho iniziato con il blog perché non trovavo una compagnia teatrale con cui condividere la mia passione. Ci sono tante similitudini tra la tua situazione e la mia, da quello che racconti.
      E poi è vero, non mi sarei mai aspettata che la gente mi scrivesse e mi chiedesse consigli, però sono molto contenta che le cose siano andate così!

      Elimina
  4. Se quello che si è fatto è stato apprezzato anche da una sola persona, allora non è stato fatto invano. Vai così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che lo dicesse anche qualche persona famosa, anche se non ricordo chi. Però ci credo. Continuerò senz'altro, grazie per l'incoraggiamento!

      Elimina
  5. Ma certo che il tuo blog ha qualche scopo, Elisa!
    Se però ti fa bene ripeterlo, allora lo ripetiamo tutti insieme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto ho bisogno di una rinfrescata alla mia motivazione... e sono contenta che voi mi aiutiate a farlo!

      Elimina
  6. Certe volte basta una parola ad accendere una scintilla in chi legge, quando capita che sia quella giusta al momento giusto. E' per quella parola che si blogga, no? Sono sicura che stai facendo un ottimo lavoro, anche sui fronti che ti costano fatica e frustrazione. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, credo che tu abbia colto l'essenza della questione :)
      Non sono una blogger super organizzata, ma faccio del mio meglio.

      Elimina
  7. Ogni blog a suo modo ha un impatto nelle vite degli altri, nel nostro piccolo quello che scriviamo e cosa scriviamo vale.
    Per noi come per gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me scrivere è importante, ma a volte ho bisogno di sapere che è importante anche per chi legge... perché lo sai anche tu che i blogger hanno i loro momenti di sconforto :)

      Elimina
  8. Anche io ricevo ogni tanto delle piccole soddisfazioni come questa dalla mia paginetta Facebook, e devo dire che mi fanno stare proprio bene. :)
    Personalmente mi piace molto leggere i tuoi post, trovo che tu scriva bene e anche se il teatro non è il mio settore sono piuttosto interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Paola, io cerco di parlare del mio argomento e scrive anche post un po' meno specifici, quindi sono contenta che possano interessare anche i non addetti ai lavori.

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.