2 agosto 2016

30 dialoghi non banali per presentarsi ad un provino

Scegliere i testi per presentarsi ad un provini può essere molto difficile e a volte non si sa nemmeno da dove partire. Vi ho già fornito due liste di 20 monologhi femminili e 20 monologhi maschili, ma spesso il monologo non basta, per l'ammissione ad alcune scuole o Accademie si richiede anche un dialogo.



Le opere teatrali antiche e moderne sono piene di dialoghi, ma il pericolo è sempre quello di cadere nelle scelte più scontate. Romeo e Giulietta al balcone? Visto e rivisto. Elettra e Oreste? Se il tema è la tragedia greca, sicuramente non sarete i soli che ci hanno pensato.
Qui vi voglio suggerire una lista di dialoghi un po' più originali di quelli delle solite due o tre opere di Shakespeare o di Čechov che tutti conoscono.

Li trovate divisi in tre categorie: dialoghi tra donna e uomo, tra due donne e tra due uomini. In questo modo, a seconda anche della "spalla" che vi accompagnerà al provino, potrete scegliere la tipologia più adatta senza perdere tempo a leggere tutti gli altri. I primi cinque di ogni lista sono dialoghi tragici o seri, mentre gli altri cinque sono comici.
Buona lettura e spero che possiate trovare quello adatto per voi!

Dialoghi tra donna e uomo

  1. Antigone e Polinice [Sofocle, "Edipo a Colono] Polinice sta per andare in guerra e Antigone cerca di convincerlo a non andare incontro alla morte, ma lui non può rinunciare perché combattere è suo dovere.
  2. Riccardo e Anna [William Shakespeare, "Riccardo III] Il marito di Anna è appena stato ucciso, ma nonostante ciò Riccardo cerca comunque di corteggiarla. Anna lo respinge con sdegno.
  3. Nora e Krogstad [Henrik Ibsen, "Casa di bambola"] Invece di proporvi il classico dialogo tra Nora e suo marito Torvald, vi segnalo quello tra lei e Krogstad, l'uomo che le aveva concesso un cospicuo prestito.
  4. Kate e Deeley [Harold Pinter, "Vecchi tempi"] Kate e suo marito Deeley hanno invitato a cena Anna, una vecchia amica di Kate. Le due non si vedono da molti anni e già da questo dialogo iniziano ad emergere dettagli del passato di Kate di cui Deeley non era a conoscenza.
  5. Anna e William [Jerome Tonnerre, "Confidenze troppo intime"] Anna entra nello studio del commercialista William credendolo uno psicanalista e inizia a raccontargli i suoi problemi. Lui non la ferma e resta ad ascoltare. Quando Anna lo scopre, si sente tradita, ma poi le confidenze ricominciano, questa volta da entrambe le parti.

  6. Vecchia e giovane [Aristofane, "Le donne al parlamento"] Il nuovo governo formato dalle donne ha stabilito che i giovani devono andare a letto prima con le vecchie poi con le giovani. Un'anziana è decisa a far valere questo suo diritto, ma il giovane malcapitato cerca di sfuggirle.
  7. Caterina e Grumio [William Shakespeare, "La bisbetica domata"] Caterina è affamata e chiede da mangiare al servio Grumio, ma lui prima le fa immaginare i manicaretti e poi glieli rifiuta perché potrebbero far male al suo temperamento.
  8. Rosaria e Corrado [Eduardo De Filippo, "Mia famiglia"] Questa strana coppia di fidanzati ha un comportamento abbastanza particolare: un attimo prima litiga, poi si riappacifica e infine lui sparisce senza un'apparente spiegazione.
  9. Osvaldo e Zenaide [Jean Tardieu, "Osvaldo e Zenaide"] I due protagonisti sono fidanzati, ma hanno appena saputo che le loro famiglie si oppongono al matrimonio. Ognuno cerca di comunicare la cattiva notizia all'altro, ma non ci riesce.
  10. Valentin e la farmacista [Karl Valentin, "In farmacia"] Valentin si reca in farmacia per comprare una medicina per il figlio neonato, ma non ricorda il nome del farmaco. La farmacista (che può essere anche un farmacista) cerca di capire di che cosa abbia bisogno, generando qualche malinteso.

Dialoghi tra due donne

  1. Elettra e Crisotemi [Sofocle, "Elettra] Elettra dichiara di voler uccidere la madre, ma la sorella Crisotemi cerca di convincerla a rinunciare, perché le conseguenze potrebbero essere peggiori della situazione attuale.
  2. Olga e Irina [Anton Čechov, "Tre sorelle"] Irina piange perché la sua vita non assomiglia nemmeno un po' a quello che aveva sognato per il suo futuro e non vede più speranza di cambiare. Olga cerca di consolarla.
  3. Ines e Estelle [Jean-Paul Sartre, "Porta chiusa"] Tre sconosciuti, dopo la loro morte, si ritrovano in una stanza chiusa, che è l'inferno. Estelle si lamenta per la mancanza di uno specchio e Ines, visibilmente attratta da lei, si offre di aiutarla a truccarsi.
  4. Elena e Teresa [Natalia Ginzburg, "L'inserzione"] Teresa offre una stanza ad una studentessa ed Elena si presenta in risposta all'inserzione. Le due diventano amiche, ma Elena finisce per innamorarsi, ricambiata, del marito di Teresa. Quando Teresa lo scopre, sembra reagire in modo razionale, ma forse la verità è un'altra.
  5. Deborah e Joan [David Mamet, "Perversioni sessuali a Chicago"] Le due sono amiche, coinquiline e spesso parlano delle loro relazioni e avventure. Però la forza dei loro dialoghi non sta solo nelle parole, ma anche nel "non detto".

  6. Prassagora e una donna [Aristofane, "Le donne al parlamento"] Prassagora convince le donne a travestirsi da uomini e vadano al parlamento a governare, ma non tutte hanno capito bene il suo piano per non farsi scoprire. In particolare, una donna vuole portarsi la lana da cardare in assemblea...
  7. Porzia e Nerissa [William Shakespeare, "Il mercante di Venezia"] Porzia ha molti pretendenti, ma sembra non gradirne nessuno. Quando chiede a Nerissa di elencarli, riserva ad ognuno dei commenti sgradevoli.
  8. Amanda ed Enrichetta [Molière, "Le intellettuali"] Amanda crede che le donne debbano dedicarsi allo studio invece di perdere tempo con gli uomini, ma Enrichetta (che è intenzionata a sposarsi) prende in giro la sua mania per il sapere e la filosofia.
  9. Constance e Aurélie [Jean Girardoux, "La pazza di Chaillot"] Aurélie è convinta di poter eliminare tutti i malintenzionati dal mondo e discute con Constance sul modo migliore per farlo. Ne nasce una conversazione moralmente discutibile, ma divertente per lo spettatore.
  10. Rosemary e Lucy [Alan Ayckbourn, "Figura materna"] Rosemary va a far visita alla vicina di casa Lucy, che esce raramente perché è sempre presa dalla cura dei suoi due bambini. Ma il vero problema di Lucy è che, dopo un po', inizia a comportarsi da mamma con chiunque.

Dialoghi tra due uomini

  1. Admeto e Ferete [Euripide, "Alcesti"] Admeto è adirato con il padre Ferete perché non ha voluto morire al posto suo e ha lasciato che Alcesti si sacrificasse. Ferete, dall'altra parte, dà ad Admeto dell'egoista, perché pretende che gli altri rinuncino alla vita per lui.
  2. Edmund e Gloucester [William Shakespeare, "Re Lear"] Edmund, figlio bastardo di Gloucester, finge di aver ricevuto una lettera dal fratello Edgar e convince il padre che Edgar sta tramando per ucciderlo.
  3. Leone e Guido [Luigi Pirandello, "Il giuoco delle parti"] Silia, sposata con Leone, non sopporta più il marito e ormai frequenta stabilmente l'amante Guido. Quando Leone viene a farle visita, la donna se ne va e lascia Guido, un po' intimorito, a discutere con lui della sua filosofia.
  4. George e Nick [Edward Albee, "Chi ha paura di Virginia Woolf?"] George e Martha sono una coppia di mezza età e hanno invitato a cena una coppia più giovane. Già all'inizio la situazione tra George e Martha è piuttosto tesa; quando le due donne vanno in un'altra stanza, la conversazione tra il padrone di casa e l'ospite sembra più un interrogatorio...
  5. Philip e Olivier [Alexi Kaye Campbell, "The pride"] Philip è sposato con Sylvia, ma quando conosce Olivier scopre di provare qualcosa per lui. Non riuscendo ad accettare la propria omosessualità, tenta di respingere Olivier, che pure lo ricambia.

  6. Pirgopolinice e Artotrogo [Plauto, "Miles gloriosus"] Pirgopolinice è un soldato fanfarone, ma il parassita Artotrogo, pur di assicurarsi il suo consenso, lo asseconda quando racconta di aver compiuto imprese mirabolanti e improbabili.
  7. Ligurio e Nicia [Niccolò Machiavelli, "La mandragola"] Callimaco e Ligurio convincono Nicia che una pozione di mandragola renderà sua moglie fertile, ma il primo che giacerà con lei morirà. Ligurio poi lo fa travestire per andare a cercare un ragazzo che dorma con lei la prima notte (che non sarà altro che Callimaco travestito).
  8. Argante e Purgone [Molière, "Il malato immaginario"] Il dottor Purgone è molto offeso perché Argante, su consiglio del fratello, ha rifiutato la sua cura e perciò augura al paziente una sfilza di malattie.
  9. Lui e il cameriere [Achille Campanile, "Acqua minerale"] Una coppia è al ristorante e ordina da bere, ma nasce un lungo equivoco con il cameriere per colpa dell'acqua minerale o naturale.
  10. Signor Piero e il bancomat [Stefano Benni, "Fratello Bancomat"] Uno squattrinato signore cerca di prelevare allo sportello di un bancomat che parla come se fosse umano.
Se ancora non avete trovato niente che fa al caso vostro, potete andare in biblioteca o in libreria e lasciarvi ispirare sfogliando altre opere teatrali. Ma, per piacere, posate quel volume di "Romeo e Giuletta", ve l'ho già detto che non fa al caso vostro!
Vi auguro tanta merda per i vostri futuri provini.

- dramaqueen




Se ti è piaciuto questo post o se mi vuoi incoraggiare nel mio percorso di aspirante attrice, puoi offrirmi una simbolica tazza di caffè, cliccando qui: ko-fi.com/elisaelena



Sullo stesso argomento vedi anche:




Immagine: "Niulang e Zhinu" di Paola Cocchetto
Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

6 commenti:

  1. Con questi post mi viene sempre voglia di leggere qualche opera teatrale.
    Ehm, un attimo, dovrei leggere il Macbeth, ora che me ne ricordo! Ahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sì, l'hai tipo promesso :)
      Però non è così lungo ed è molto bello (è l'opera di Shakespeare che preferisco).

      Elimina
  2. Troppo gentile ! grazie mi è stato veramente d'aiuto per trovare qualcosa di interessante e nel mio caso comico ( anche nei monologhi) :)
    Grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta! Sono molto contenta di esserti stata utile :) Mi ero resa conto anch'io che i dialoghi e monologhi comici sono abbastanza difficili da trovare...

      Elimina
  3. Dici che qualche monologo di johnny depp andrebbe bene? (Lol)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, dipende tutto dal tipo di audizione. Se è per un film, un monologo cinematografico va benissimo. Per il genere, poi, scegli tra drammatico e comico a seconda del genere del film per cui ti stai proponendo.

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.