5 ottobre 2016

Moominland Midwinter (piccola lettura in inglese)

Drama Queen goes international!
Avevo già fatto un piccolo esperimento con l'inglese, ma pensavo che la cosa sarebbe finita lì. In fondo, non è la mia prima lingua e io ho già abbastanza difficoltà con la recitazione in italiano. Gli inglesi si arrangeranno a leggersi i libri da soli, no?


E invece non avevo fatto i conti con un altro problema: io non rompo le scatole solo a voi con le mie manie da aspirante attrice, c'è anche una fedelissima spettatrice che mi segue dalla Finlandia e guarda i miei video, anche se non ci capisce niente!
Quindi, per questa volta, ho voluto accontentare la mia amica e leggere qualcosa che avrebbe potuto capire anche lei.


Ho scelto un libro che avevo già usato per le #LettureImprovvisate di preparazione al provino (se ve le siete perse, le trovare tutte in questa playlist): "Magia d'inverno" di Tove Jansson, che in inglese è intitolato "Moominland Midwinter" e in finlandese "Taikatalvi".

Questo libro non è il primo che racconta le avventure dei Mumin, ma è l'unico che possiedo e che per ora ho letto. Chi sono i Mumin?
Sono i protagonisti di una serie di libri scritti e illustrati da Tove Jansson, ma poi sono diventati anche un cartone animato e una serie di fumetti. Come popolarità, potremmo dire che sono una sorta di Puffi per i bambini svedesi e finlandesi.
Ma forse anche di più, perché ovunque andiate in Finlandia potete trovare gadget a tema. Io ho una federa per il cuscino, delle tazzine, delle presine, delle salviette di carta e perfino dei cucchiaini che li ritraggono (tutto gentilmente regalato dall'amica finlandese).

Sì, ma che razza di animali sono? Presto detto: sono degli immaginari troll che vivono nei boschi finlandesi. D'aspetto assomigliano a degli ippopotami bianchi.


Nella famiglia Mumin ci sono mamma Mumin, papà Mumin e il figlioletto Mumin (nella versione inglese Moomintroll). Nelle loro storie compaiono anche diversi altri personaggi ricorrenti, che però non fanno parte della famiglia.
I Mumin tutti gli inverni vanno in letargo, da novembre ad aprile, come facevano i loro antenati (perché i Mumin ci tengono alle tradizioni).
Ma in questo libro succede qualcosa di strano: ad un certo punto, Mumin si sveglia e non riesce più a riaddormentarsi. Si ritrova tutto solo nel mezzo dell'inverno e non ha idea di che cosa stia succedendo, perché non l'aveva mai visto prima. Che cosa combinerà?

La risposta sta nel libro.
Ma adesso, se vorrete ascoltarmi, vi leggerò l'inizio del primo capitolo. Non preoccupatevi se non capite benissimo l'inglese, le parole scorrono sullo schermo di pari passo con la lettura.


E ora, siete preoccupati per il povero Mumin tutto solo?
Per farvi stare tranquilli, vi anticipo che non gli succederà niente di grave, anzi, avrà modo di fare delle conoscenze molto interessanti...

Spero che la lettura vi sia piaciuta anche se era in una lingua diversa dal solito!
Però dai... le emozioni sono sempre quelle, anche se cambiano i suoni. Spero di essere riuscita a rendere l'atmosfera della scena (che è uno dei motivi principali per cui adoro questo libro).

- dramaqueen



6 commenti:

  1. Piacerebbe anche a me andarmene in letargo fino ad aprile, almeno una volta ogni tanto ^_^
    A proposito dei Mumin, mi ha molto stupita vedere che in Finlandia c'è chi organizza matrimoni a tema. E ora mi hai fatto venire voglia di leggere anch'io questo libro.... Comunque complimenti, leggere in un'altra lingua non è mai semplice, soprattutto in maniera così espressiva. Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, i matrimoni a tema Mumin, davvero? E io che pensavo che i cucchiaini fossero esagerati...

      Grazie per i complimenti, a volte mi si ingarbugliava un po' la lingua con l'inglese, ma sono contenta di essere risultata espressiva :)
      Il libro mi è piaciuto molto e te lo consiglio. È il classico libro per bambini/ragazzi in cui spuntano un sacco di creature fantastiche che non avresti mai immaginato. E l'atmosfera è molto poetica.

      Elimina
  2. Elisa Elena Carollo sempre più international!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, bisogna ampliare i propri orizzonti... ;)

      Elimina
  3. Ciao, seguo da un pò il tuo blog ma è la prima volta che commento. Prima di tutto volevo farti i complimenti perchè fai sempre dei post interessanti e spesso anche molto utili ( studio recitazione e canto ), in secondo luogo devo dire che sei veramente brava ed espressiva anche nell'inglese, sarà che a me piace tanto come lingua però mi sono proprio persa con la mente nella tua lettura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lyndion e grazie del commento!
      Mi fa moltissimo piacere che il video ti sia piaciuto :) In bocca al lupo per i tuoi studi di canto e recitazione!

      Elimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.