1 dicembre 2017

I monologhi esteriori - S02 E07
L'anima buona di chi ha una disabilità

Dato che il 3 dicembre è la giornata mondiale per le persone con disabilità e io mi sto dedicando a combattere tutte le discriminazioni, anche quelle che colpiscono loro, non potevo fare a meno di parlarne.


Ma come evitare di dire castronerie o cose irrispettose, o di cadere nell'abilismo involontario?
L'abilismo, per chi non lo sapesse, è la discriminazione contro le persone che hanno una disabilità e la tendenza a non considerare le loro esigenze, nella convinzione che tutti abbiano un corpo abile.

Dicevo, come fare? Per risolvere questo problema, ho pensato di chiamare un'ospite più esperta di me sul tema della disabilità, perché lo vive in prima persone.
Si chiama Micaela Luppino, frequenta corsi di recitazione da diversi anni, ha anche lei un blog in cui parla di teatro (si chiama Sognoteatro) e si sposta in carrozzina. Chi poteva essere più adatto di lei per collaborare con questa puntata del podcast?

Quindi, le ho chiesto di recitare per voi ascoltatori il monologo del suo personaggio nello spettacolo L'anima buona (che ho visto rappresentato lo scorso giugno e ho recensito).
Il titolo è provocatorio: il personaggio non è davvero un'anima buona, perché fa soldi sfruttando la pietà delle persone... però ci spiega il suo punto di vista e che cosa l'ha portata a comportarsi così, quindi noi quasi iniziamo a giustificare le sue azioni.
Ma c'è davvero qualcuno che pensa che le persone con una disabilità siano tutte delle anime buone, quasi dei piccoli angeli scesi in terra... e invece sono delle persone e come tutte le persone hanno dei pregi e dei difetti. Il testo contribuisce anche a scardinare questo stereotipo.

Per ascoltare il monologo di Micaela (e la mia introduzione al tema) cliccate qui:


Sigla: Take the lead di Kevin MacLeod - Sottofondo del monologo: Tomorrow di Bensound (www.bensound.com)


Che ne pensate? Devo dire che io mi sento un po' in colpa, perché mi sono resa conto di essere caduta nell'abilismo senza volerlo. Ma ora sto cercando di rimediare e di demolire i miei pregiudizi.
Magari voi potreste condividere questo podcast per demolire anche i pregiudizi di qualcun altro!

- dramaqueen

7 commenti:

  1. Ciao Elisa,
    vi ho ascoltato in diretta.
    Ottimo!!!
    Grande Miky
    Kisssss
    :-)))))

    RispondiElimina
  2. Ciao, ho ascoltato adesso tutto e devo prima di tutto dire che ti fa onore aver parlato di questo argomento, dato che riguarda anche me, io che ho provato (e provo) quelle brutte sensazioni, ma nel tempo ho fatto il callo e ormai mi scivolano addosso, che pensino quello che vogliano, io anche se ho rinunciato a molte cose che mai probabilmente avrò, non ho perso e mai la perderò la speranza e la voglia di vivere e lottare ogni giorno per i miei sogni e desideri ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per le brutte sensazioni di cui parli... Spero che parlarne, come abbiamo fatto io e Micaela, aiuti a sensibilizzare tutti e magari a migliorare l'accessibilità dei luoghi pubblici.
      Ti mando tutto il mio supporto!

      Elimina
  3. Micaela è sempre bravissima! Mi fa venire i brividi. E dal vivo è ancora più straordinaria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, infatti io l'ho vista anche dal vivo proprio in questo spettacolo! Però ne ho voluto offrire un assaggio anche agli spettatori radiofonici :)

      Elimina
  4. Hai fatto benissimo! Io purtroppo lo spettacolo di quest'anno me lo sono perso e sono stata molto contenta di ascoltarne una parte durante la trasmissione!

    RispondiElimina

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.