12 dicembre 2018

Diario di un'aspirante doppiatrice #3

Questa volta per leggere il post non dovete rimanere qui, ma andare sul blog SognoTeatro di Micaela Luppino, che mi ha ospitato.
Vi racconterò di come sta andando il mio percorso. No, la mia voce non è ancora in televisione, ma ci sto lavorando e vi spiego come faccio per esercitarmi nel doppiaggio a casa mia. Perché il corso non basta, bisogna esercitarsi tanto anche dopo!


Vi lascio l'inizio del post:

Ciao, mi chiamo Elisa, ho 26 anni e voglio diventare una doppiatrice.
Che bello, sembra una presentazione da "Alcolisti Anonimi"... ed effettivamente anche questa è una dipendenza da cui non riesco a liberarmi.
Sono ormai dieci anni che ho questo sogno, ma ho scoperto che sognare e basta non serve a molto.

Saprete già qual è la differenza tra un sogno e un obiettivo: il sogno è soltanto immaginato, l’obiettivo è accuratamente pianificato e bisogna lavorare seguendo tutti i passi, uno dopo l’altro, per raggiungerlo. Continuando a sognare un radioso futuro in cui lavoro come doppiatrice, non sarei arrivata proprio da nessuna parte.

Continua su... SognoTeatro


Grazie se vorrete andare a leggerlo!

- dramaqueen

4 commenti:

Hai qualcosa da aggiungere a questo post? Lascia un commento!
Se usi la modalità "Anonimo", per favore firmati con il nome o con un nickname.